BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISTIANI PERSEGUITATI/ Farouq: io, musulmano, sto col Papa non con gli assassini

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Persecuzioni anticristiane a Raqqa (Siria), "capitale" dell'Is, nel maggio scorso (Immagine d'archivio)  Persecuzioni anticristiane a Raqqa (Siria), "capitale" dell'Is, nel maggio scorso (Immagine d'archivio)

C'è chi ha lasciato il proprio corpo appeso a una croce ed è salito in cielo, chi ha lasciato il cuore a casa propria e se n'è andato, chi si è scelto per compagni la fame, la sete, le lacrime ed è fuggito. Tutti loro potevano evitare queste pene, sarebbero bastate poche parole per dichiarare che rinunciavano alla propria fede e avrebbero avuta salva la vita. Invece, è stata loro imposta una scelta e hanno scelto: hanno rifiutato la vita scegliendo l'eternità, hanno rifiutato la falsità scegliendo la verità. Hanno offerto a tutti i credenti una testimonianza immersa nel dolore, attestando che una vita senza fede non val la pena di essere vissuta. 

Nell'era dell'immagine, del dubbio, del nichilismo, hanno scelto di incarnare la certezza. Quel che succede in Iraq, in Siria e in Terra Santa non è un crimine che ha per protagonisti gruppi di assassini disumani. È un'epopea eroica che ha per protagoniste centinaia di migliaia di persone comuni come me e voi; centinaia di migliaia di persone che hanno scelto di abbandonare tutti i loro beni pur di non rinunciare alla libertà dello spirito; centinaia di migliaia di individui, come me e voi, che hanno dimostrato che la persona è più forte del potere.

Di fronte a questa testimonianza, vorrei dire a Papa Francesco che io e milioni di musulmani preghiamo assieme a lui, avendo fede che un Dio giusto e misericordioso, che ama i propri figli, ascolterà le sue preghiere e risponderà. Vorrei dirgli che non daremo ascolto a chi è mosso dal desiderio di vendetta, a chi prepara il terreno per una grande guerra in nome della religione. Non difenderemo chi ha perso la vita per conservare la propria fede rinunciando alla nostra. Non rinunceremo alla nostra fede nella pace, non rinunceremo alla nostra fede nell'amore.

Vorrei dirgli che io e milioni di musulmani che hanno cambiato la loro fotografia sui social network, mettendo al suo posto, in solidarietà con i cristiani, la lettera "nun" che sta per Nazareno; che io e i musulmani che sono scesi in strada per proteggere con i loro corpi le chiese egiziane dagli estremisti; che io e tutti i dotti religiosi islamici che hanno condannato i crimini di quel gruppo di terroristi, dissociandosi da loro – tanto che il mufti saudita, noto per la sua ortodossia, lo ha descritto come il nemico numero uno dell'islam – senza peraltro trovare alcun mezzo d'informazione occidentale che riportasse la loro condanna; che io e gli intellettuali che hanno scritto migliaia di articoli per condannare questi crimini; che io e le vittime sunnite, sciite, yazidi e laiche, noi tutti lo ringraziamo per averci dato uno spazio nelle sue preghiere per tutte le vittime.


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
24/08/2014 - Cosa pensano i "mussulmani che contano"? (Giuseppe Crippa)

Nel suo bellissimo discorso, per il quale lo ringrazio di cuore, Wael Farouq cita per inciso che i mezzi di informazione occidentali non hanno dato risalto alla posizione di molti saggi islamici, tra i quali il mufti saudita, noti per la loro ortodossia ma comunque oppositori della violenza inumana degli estremisti islamici. Credo anch’io che i nostri mezzi di informazione possano e debbano fare di più per evidenziare, agli occidentali ma anche agli stessi mussulmani, le opinioni moderate o comunque stimolare i “mussulmani che contano” per l’opinione pubblica occidentale a prendere posizione. Quando cominceranno i giornalisti, in Europa ed in USA, a chiedere ai più noti calciatori o cestisti mussulmani cosa pensano di quanto sta accadendo? Se la sentirebbe la stessa redazione sportiva de Il Sussidiario di fare qualcosa?