BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALEMANNO-BIS/ Oltre parentopoli e la politica del bilancino

Pubblicazione:

Alemanno e Cutrufo  Alemanno e Cutrufo

Era partito per fare il più classico dei blietzkrieg. Invece si è ritrovato accerchiato e in difficoltà come i tedeschi durante l’Offensiva delle Ardenne, senza neppure la giustificazione di avere di fronte il generale Eisenhower. Partito per azzerare una giunta zoppicante (e magari distogliere l’attenzione dei media dalla “parentopoli” romana), il sindaco Alemanno si è ben presto trovato invischiato nella solita melassa di correnti e sotto-correnti, mediazioni e mediatori, personalismi e manovre di piccolo cabotaggio. Il pericolo che corre è quello di dare vita ad una giunta-bis per nulla “rivoluzionaria”, che rischia di accentuare le lacerazioni interne di una maggioranza sempre più divisa e rissosa. Speriamo che gli “uomini immagine” della società civile scelti dal sindaco – che siano ex dirigenti di Bankitalia o presidenti delle Acli – possano contribuire a puntellare la solidità complessiva dell’amministrazione comunale. Ma sembra che negli ambienti dell’eterogenea destra romana ci sia già pensando a come organizzarsi per trovare un successore del primo cittadino.

 


Fino ad oggi, per mantenere il controllo della situazione, il sindaco ha utilizzato con successo la tattica millenaria del “divide et impera”, alleandosi di volta in volta con questa o quella fazione, a seconda delle convenienze politiche di breve periodo. Ma a questo schema di gestione dell’esistente non si è mai accompagnata una “visione”, un progetto politico di ampio respiro capace di traghettare la Capitale al di fuori delle secche rutelliane e veltroniane in cui è incagliata da decenni. Cosa di cui oggi c’è veramente bisogno.

 


Non è certo con il bilancino della partitocrazia che il sindaco Alemanno può pensare di poter uscire dallo stallo. I problemi di Roma sono così profondi e così sedimentati che l’unica prospettiva poteva essere quella di un “colpo di reni”, nel metodo e nella sostanza. Per quanto riguarda il metodo, il rimpasto potrebbe rivelarsi un passo indietro. Per quanto riguarda la sostanza, vedremo. Certo che le prime avvisaglie, per esempio l’esclusione dell’assessore alla Cultura, Umberto Croppi (che pure non si era segnalato come il “peggiore” tra gli interpreti della prima giunta), non depongono a favore di questo nuovo esperimento.

 

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO DI ANDREA MANCIA SULLA NUOVA GIUNTA ALEMANNO



  PAG. SUCC. >