BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Borini: «Lavoro e sacrificio, così ho conquistato il Chelsea!»

FABIO BORINI attaccante del Chelsea racconta il suo esordio di ieri in Champions League. E il lavoro che da due anni sta facendo e che lo ha portato ad entrare nella rosa di Carlo Ancelotti

borini_R375x255_27APR09.jpg (Foto)

ESCLUSIVA CHAMPIONS LEAGUE - Intelligenza, sacrificio e tanto lavoro. Questo è il mix vincente di ogni imprenditore e questa è anche la formula magica utilizzata da Fabio Borini, classe 1991, attaccante del Chelsea di Carlo Ancelotti.

Ieri al minuto 28 del secondo tempo ha fatto il suo esordio in Champions League contro l’Apoel Nicosia. «Cosa ho provato? Ero tranquillo, me lo aspettavo che prima o poi sarebbe arrivata l’occasione. Grazie anche a Ancelotti per la fiducia che ha nei miei confronti» dice Borini. Il giovane bolognese ha appena terminato l’allenamento della mattina e ha raccontato a ilsussidiario.net  il momento positivo che sta vivendo con i Blues.

Borini, ieri esordio in Champions: emozionato?

Veramente ero molto tranquillo. Non c’era niente che mi facesse essere nervoso. Ero certo che prima o poi sarebbe arrivata l’occassione di esordire in Europa. Ho giocato bene, aiutando la squadra e andando anche vicino al gol in un paio di occasioni. Ho fatto quello che mi ha chiesto Ancelotti.

Nessuna pressione davanti a 41.000 spettatori. Una bella dimostrazione di maturità professionale…

Ho sempre vicina la società e Ancelotti e li ringrazio per queste occasioni che mi offrono. Il lavoro e i sacrifici poi portano sempre a risultati...

Si racconta di un rapporto speciale con Carlo Ancelotti…

La sua presenza è un bello stimolo per cercare di fare sempre meglio. Siamo tutti e due italiani e ci capiamo al volo, visto che parliamo la stessa lingua…Sto costruendo la mia carriera e la sua considerazione e stima è senza dubbio importantissima per me.