600 detenuti evasi da carcere: caos Nigeria/ Raid Boko Haram causa più di 10 morti

- Alessandro Nidi

Attentato di Boko Haram in Nigeria, detenuti in fuga dal carcere: oltre 300 evasi a piede libero, la polizia ne ha già catturati altrettanti

nigeria polizia 2019 lapresse 640x300
Immagine di repertorio (LaPresse)

Caos in Nigeria, dove un attacco dei terroristi ISIS di Boko Haram ha consentito a circa 600 detenuti del carcere della capitale del Paese, Abuja, di fuggire dalle celle nelle quali si trovavano imprigionati, nell’ambito di un raid che è costato la vita a dieci persone e a numerosi ufficiali. I dati numerici relativi all’attentato in questo momento sono frammentari e differenti tra loro: c’è chi ha parlato addirittura di una fuga di 800 prigionieri dalla struttura penitenziaria, ma alle forze dell’ordine locali ne risultano duecento in meno. Il totale resta tuttavia considerevole e denuncia uno dei tanti problemi di sicurezza nel Paese africano, dove nei giorni scorsi si sono susseguiti senza soluzione di continuità i rapimenti di preti cattolici e, in alcuni casi, anche la loro uccisione.

Le autorità della Nigeria riferiscono che le forze di sicurezza sono riuscite a rintracciare e arrestare alcune centinaia di evasi, anche se gran parte di loro è riuscita a fuggire e a dileguarsi nel nulla. Così, i militari hanno inviato ulteriori rinforzi in città per dare la caccia ai terroristi

NIGERIA, RAID DI BOKO HARAM: DETENUTI IN FUGA NELLA CAPITALE

Stando a quanto hanno affermato alcune fonti di governo della Nigeria citate dall’agenzia di stampa internazionale ANSA, sarebbe opera di Boko Haram il raid con esplosivo che ha preceduto la fuga di circa 600 prigionieri di un carcere alla periferia della capitale nigeriana, Abuja.

Shuaibu Belgore, alto funzionario del Ministero dell’Interno, dopo l’attacco di ieri notte contro il carcere, ha tenuto a precisare quanto segue: “Evidentemente gli assalitori sono di Boko Haram e sono arrivati appositamente per i loro cospiratori. Fino a questo istante siamo riusciti a recuperare 300 di circa 600 detenuti fuggiti dalle celle” e le operazioni sembrano essere ancora ben lontane dalla loro conclusione.







© RIPRODUZIONE RISERVATA