Alberto Sordi/ Igor Righetti “I suoi amori? Patrizia De Blanck, Soraya, Katia Ricciarelli, Andreina Pagnani”

- Hedda Hopper

Alberto Sordi, Un italiano come noi: in occasione del suo centenario, Italia celebra il suo genio ripercorrendo la sua carriera

Maria Righetti, madre Alberto Sordi

In occasione del centenario della nascita di Alberto Sordi, Sabrina Impacciatore ci racconta la vicenda umana e professionale del grande artista grazie a materiali inediti, storie, aneddoti, testimonianze, spezzoni di film. A svelare il dietro le quinte di un uomo che ha fatto la storia del cinema italiano e dello spettacolo ci ha pensato Igor Righetti, voce storica di Radio1 nonché cugino del grande Albertone di cui ha raccontato i suoi “segreti” a partire da uno dei suoi più grandi rimpianti ovvero la mancata candidatura dall’Italia all’Oscar e finendo alle frizioni con Nino Manfredi reo di averlo giudicato come attore lasciando intendere che “non si è mai allontanato dal suo vero essere”. Un complimento o un’offesa? Alberto Sordi è sicuramente ricordato per i suoi personaggi principali legati alla sua romanità e a quella città e ai prototipi che conosceva bene e proprio questo gli ha permesso di essere “caratteristico” e dare il via ad un filone seguito da quello che per tutti è il suo pupillo, Carlo Verdone.

ALBERTO SORDI GLI AMORI E LA FILANTROPIA

Ma Alberto Sordi non era tutto casa e lavoro ma grazie ai suoi soldi e al suo potere ha potuto dedicare spazio e tempo alla filantropia. Lo stesso Righetti racconta: “Chi conosceva veramente Alberto sa che frequentava gli orfanotrofi e che aveva adottato a distanza decine di bambini, filantropia sempre fatta in silenzio, come era il suo stile… ha sempre detto di voler destinare la sua villa faraonica a orfanotrofio perché in quella casa non c’è mai stato il sorriso di un bambino”. Così non è stato e chi conosce la storia sa bene che adesso la sua sua casa è diventata un museo in barba a quella privacy di cui lui stesso si è fatto paladino negli anni. E gli amori? Anche in questo caso la risposta del conduttore non lascia spazio a dubbi spazzando via i dubbi sulla sua omosessualità e parlando di una “vita privata blindatissima” e di relazioni di cui erano a conoscenza solo i parenti più stretti: “Uno fu Patrizia De Blanck. Oltre a lei ce ne sono molti altri..Ha avuto Soraya, Katia Ricciarelli, Andreina Pagnani, Uta Franz, una bellissima attrice austriaca“. Alberto Sordi ha poi avuto tante storie ma il gossip non ha mai preso il sopravvento nella sua vita e sulla sua carriera, questo è certo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA