Alberto Tomba/ “Deborah Compagnoni? Si allenava con me e la caricavo, poi…”

- Jacopo D'Antuono

Alberto Tomba, le parole al miele per la ‘regina delle nevi’, Deborah Compagnoni. Il messaggio con dedica a Verissimo: “Sai dove trovarmi”

deborah compagnoni fratello 640x300
Jacopo Compagnoni

Alberto Tomba e Deborah Compagnoni, due grandi campioni: “Quanti traguardi assieme…”

Alberto Tomba e Deborah Compagnoni hanno raggiunto grandi traguardi nel mondo dello sci, coltivando l’uno con l’altra un rapporto speciale nel corso degli anni. Infatti il campione e la regina delle nevi hanno condiviso un bel pezzo di strada assieme, come ricordato dallo stesso Alberto Tomba, un po’ di tempo fa, al Festival dello Sport. “La prendevo con me a fare allenamento sui ghiacciai, un po’ la caricavo…“, ha ricordato Tomba. Che ha sempre mostrato vicinanza e affetto alla campionessa, come quando durante un’ospitata a Verissimo le fece arrivare un messaggio molto affettuoso. “Ricordo che qualcuno vinse un oro olimpico nel 92. Tu alla mattina e io poco più tardi, quindi un pensiero a quella grande giornata indimenticabile. Sai dove trovarmi…”, le parole di Tomba nella clip.

Alberto Tomba su Deborah Compagnoni: “Che rapporto, il nostro…” 

Tra due campioni di sci c’è tuttora grande sintonia. Non a caso Alberto Tomba e Deborah Compagnoni hanno sempre dato l’impressione di viaggiare sulla stessa linea d’onda. “Alberto non era autoritario con me. Per me in quegli anni è stato importante capire determinate cose. Nello sci chi fa la strada più breve arriva primo. La linea è fondamentale e seguire le tracce di Alberto Tomba mi è servito molto”, ha spiegato Deborah Compagnoni.

Sempre in quell'”intervista doppia” al Festival dello Sport, le parole al miele del campione: “Io e Deborah? Che rapporto! Abbiamo fatto molti allenamenti insieme. Se ci siamo ritirati presto? Lo dico sempre. Potevamo metterci d’accordo e fare un patto. Anche io ad un certo punto ero un po’ provato. Mollare con una vittoria è stato bello. Non avessi vinto sarei andato avanti. Peccato, perché non mi hai chiesto di fare qualche anno in più”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA