Alessandra Mastronardi/ “Addio a L’allieva? Mai dire mai!”

- Mirko Bompiani

Alessandro Mastronardi e l’esperienza nella serie tv “L’allieva”: le riprese sono ripartite dopo l’emergenza coronavirus, ma sul suo futuro…

alessandra mastronardi madrina venezia 76
Alessandra Mastronardi - Foto Instagram

L’emergenza coronavirus ha obbligato uno top delle riprese per cinema e serie tv, ma “L’allieva 3” è finalmente tornata a girare e Alessandra Mastronardi non poteva di certo mancare. Intervistata da Tv Sorrisi e Canzoni, la celebre attrice ha parlato del ritorno sul set: mancano due mesi per terminare la realizzazione della terza stagione della serie tv targata Rai e c’è un rigido protocollo da rispettare. Ecco quanto rivelato dal volto de “I Cesaroni”: «Gli attori fanno il tampone ogni settimana. La troupe fa il test sierologico ogni due settimane, sul set si indossano sempre guanti e mascherine e viene misurata la temperatura ogni giorno. I truccatori, i parrucchieri, le sarte, i microfonisti, che hanno un contatto più diretto con noi, indossano anche la visiera sopra la mascherina. Gli attori sono gli unici a poter restare senza protezioni dopo il ciak. E poi in generale si cerca di mantenere le distanze».

ALESSANDRA MASTRONARDI: “ADDIO A L’ALLIEVA? MAI DIRE MAI”

“L’allieva 3” potrebbe essere l’ultima stagione di Alessandra Mastronardi e nelle ultime settimane si è acceso il dibattito sui social network. L’attrice è tra le più amate della serie ed un suo addio potrebbe amareggiare diversi fa. Ma lei cosa ne pensa? Ecco le sue dichiarazioni a Tv Sorrisi e Canzoni: «Mai dire mai, non chiudiamo subito tutte le porte. E’ vero però che non amo la lunga serialità. Credo fermamente, e l’ho sempre detto, che bisogna rispettare i personaggi e le loro storie: non è mai giusto portare avanti dei caratteri quando hanno finito di raccontare o di farti emozionare, proprio per il rispetto di quello che ti hanno dato. Anche da spettatrice. Poi magari i personaggi si riprendono… come quelli di “Friends” che faranno una riunione dopo 16 anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA