Amanda Lear/ “Quando è morto mio marito Alain Philippe non volevo più vivere”

- Valentina Gambino

Amanda Lear, la dolorosa morte del marito: racconto choc dell’attrice ad un passo dagli 80 anni.

Amanda Lear
Amanda Lear (Rai, 2019)
Pubblicità

Amanda Lear possiede sempre un certo fascino. Negli Anni 70 ha incantato il mondo giocando sul suo fascino ambiguo: “Ma è donna?”, si chiedevano in molti di fronte al suo fisico da indossatrice e la voce calda e profonda. Tra i suoi grandi amori ebbe il pittore Salvador Dalì e la rockstar David Bowie. Vicina agli 80 anni che compirà tra qualche giorno, scrivono spesso che tutti invecchiano tranne lei. “Ma non è vero, non ci ho mai creduto. Anche perché in generale nella mia vita non ho mai creduto a quello che dicono gli altri. Me lo ha insegnato Salvador Dalì. L’importante è stare bene con sé stessi, e io con me sto benissimo”, spiega intervistata da Grand Hotel. “Però forse è il teatro che mi mantiene giovane – prosegue – sono dieci anni che lo faccio all’estero, in Francia. È molto faticoso ma me ne sono innamorata, ricambiata dal pubblico. La gratificazione che mi arriva da questo tipo di espressione artistica è come una linfa vitale, una terapia. Oggi sono completamente soddisfatta”.

Pubblicità

Amanda Lear, la dolorosa morte del marito: racconto choc

Amanda Lear non ha alcun problema con i ricordi: “Mi piaceva la mia vita di allora e mi piace quella di oggi: la mia casa in Provenza, i miei quadri, i miei dodici gatti che sono meravigliosi perché non sono come gli uomini che ti tradiscono sempre. Ero di indole solitaria sin da ragazza e lo sono anche ora. Sa che brutto avere accanto un vecchio marito? Se sei da sola mangi quando vuoi, esci quando vuoi, te ne vai in vacanza senza dover rendere conto a nessuno. Sei libera”. L’attrice svela di possedere la stessa identica ironia di quando aveva vent’anni. “Mi fanno ancora tanti complimenti per la mia immagine. Perché allora devo essere legata a una data di nascita?”. Poi svela di essere religiosa: “Altrimenti come avrei fatto a sopportare grandi dolori, come la separazione dei miei quando ero piccola? Cosa che mi ha fatto capire che uomo e donna non sono fatti per stare insieme, poi la perdita di tanti amici, e soprattutto di mio marito Alain Philippe quando se ne è andato per un incendio nella nostra casa è stato un trauma tremendo. Io non ero con lui, non volevo più vivere. Dicevo: perché a me? Perché mi è capitata questa cosa devastante? Poi mi sono detta: perché non sarebbe dovuto capitare a me? La vita non mette forse davanti alle disgrazie tutti, famosi e non famosi? L’importante è che Dio ti dia la forza di ricominciare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità