Anita Caprioli, compagna di Daniele Pecci/ Lui: “È stato un colpo di fulmine”

- Alessandro Nidi

Anita Caprioli è la compagna di Daniele Pecci, nonché madre della sua secondogenita, nata nel 2016: la coppia non si è mai sposata perché…

Anita Caprioli Instagram 640x300
Anita Caprioli (foto dal profilo Instagram dell'attrice)

Anita Caprioli è la compagna di Daniele Pecci, uno degli attori della fiction “Cuori”, in programma su Rai Uno a partire dalla serata di oggi, domenica 17 ottobre 2021. La loro relazione è sempre stata molto distante dai riflettori del gossip, tanto che i due sono usciti allo scoperto con i loro sentimenti soltanto in corrispondenza della nascita della loro figlia, avvenuta nel 2016. Pecci, che in passato ha avuto anche una liaison sentimentale con Michelle Hunziker, è così diventato padre per la seconda volta (aveva già avuto un figlio, Francesco, nel 2008, da Barbara Buonanno).

Come dicevamo, Pecci e Caprioli sono più innamorati che mai, tanto che era stato lo stesso volto del cinema e della televisione, nel corso di una puntata di “Storie Italiane”, trasmissione di Rai Uno condotta da Eleonora Daniele, a dichiarare: “Con Anita ci siamo conosciuti 6 anni fa ad una cena, tra me e lei c’è stato un vero e proprio colpo di fulmine. Il matrimonio? È un’istituzione obsoleta. Tutti sono liberi di scegliere se sposarsi o meno: uomini con uomini, donne con donne, uomini con donne. Sono per la libertà assoluta e mi sembra assurdo che qualcuno sprechi un minuto del proprio tempo per negare questo diritto a un’altra persona. Detto questo, il matrimonio mi sembra la cosa più inutile del mondo”.

ANITA CAPRIOLI: CHI È LA COMPAGNA DI DANIELE PECCI?

Scopriamo adesso qualcosa di più su Anita Caprioli, compagna di Daniele Pecci. Come si legge sul web, sin da tenera età ha intrapreso lo studio della danza classica per otto anni, fino a quando, nel 1991, a Milano, ha preso parte a un laboratorio di drammatizzazione teatrale, imperniato sulle tecniche di Grotowsky.

Successivamente, è andata a vivere a Roma e ha iniziato a frequentare la scuola di recitazione di Beatrice Bracco. Nel 1995, a Londra, con il regista Andrea Brooks ha lavorato a teatro nella “Locandiera” di Carlo Goldoni, per debuttare poi al cinema nel 1997 con ‘Tutti giù per terra” di Davide Ferrario. Si è trattato del primo di una serie di lungometraggi che l’hanno vista interpretare ruoli diversi. Tra questi, ricordiamo “Denti” di Gabriele Salvatores (1999), “Che colpa abbiamo noi” di Carlo Verdone (2003) e “Manuale d’amore” (2005) di Giovanni Veronesi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA