Antonio Razzi al confine con l’Ucraina/ “Non posso entrare o rischio l’arresto!”

- Emanuela Longo

Antonio Razzi dal confine dell’Ucraina racconta la situazione dei profughi del posto: “Non posso entrare o mi arrestano”

Antonio Razzi 640x300
Antonio Razzi (Trends&Celebrities, Rtl 102.5 News)

L’ex senatore Antonio Razzi è intervenuto oggi in collegamento dalla Romania, ai microfoni di “Trends&Celebrities”, trasmissione di Rtl 102.5 News e andata in onda nel pomeriggio di oggi, mercoledì 30 marzo. I conduttori Francesco Fredella e Giovanni Antonacci hanno rammentato come Razzi sia partito per l’Ucraina: “Mi trovo proprio al confine”, ha confermato il senatore, “ma non posso andare perché purtroppo questo governo di Zelensky mi ha vietato di entrare. Se entro in Ucraina rischio di essere arrestato”. Nonostante questo ha deciso comunque di arrivare fino al confine per dare una mano ai profughi. “Abbiamo portato due pullman di beni e il mio sono fermato qui”, ha spiegato Razzi.

L’ex senatore ha svelato di indossare una divisa particolare, ovvero quella del corpo diplomatico di Malta. Dopo essere entrato nella lista nera di Zelensky, dunque, Antonio Razzi ha preferito non rischiare troppo avanzando fino all’Ucraina.

Antonio Razzi al confine con l’Ucraina per portare il suo aiuto ai profughi

Insieme ad Antonio Razzi, in collegamento radiofonico dalla Romania, anche Lello Marra, presidente dell’associazione partito da Roma insieme agli iuti umanitari diretti in Ucraina: “Siamo partiti con due pullman e siamo arrivati stanotte mentre questa mattina ci siamo messi già all’opera. Siamo in stretto contatto con l’ambasciata italiana a Bucarest dove ci daranno disposizione su dove scaricare tutta la merce portata con noi”, ha spiegato il presidente.

Antonio Razzi ha precisato che tornerà in Italia “quanto prima”: “Se qui si prolunga per giorni, allora lascio qui i miei amici e me ne ritorno così lascio un posto libero in più ma poi io devo anche lavorare!”, ha spiegato l’ex senatore. Con lui anche Patrizio Oliva l’ex pugile italiano. “E’ venuto apposta per difendersi qualora gli ucraini dovessero mettermi in carcere!”, ha chiosato ironico Razzi.







© RIPRODUZIONE RISERVATA