Australia, esercito per far rispettare il lockdown/ Soldati nelle strade da lunedì

- Alessandro Nidi

Australia, esercito in strada per fare rispettare il lockdown e le misure restrittive: accadrà a Sydney a decorrere da lunedì

Francesco Raiola, militare arrestato per errore
(Pixabay)

L’Australia ha deciso di schierare l’esercito per fare rispettare il lockdown connesso all’incremento dei casi di Coronavirus, con centinaia di soldati impiegati a Sydney. La recrudescenza della pandemia, legata alla variante Delta, è iniziata a giugno, causando quasi 3.000 infezioni e portando a nove morti. I soldati dell’Australian Defence Force si addestreranno durante il fine settimana, prima di iniziare a pattugliare le strade da lunedì, anche se in molti hanno messo in dubbio la necessità dell’intervento militare, definendolo “pesante”.

Il lockdown – in vigore almeno fino al 28 agosto -, com’è noto, impedisce alle persone di uscire di casa se non per esercizi essenziali, shopping, assistenza e altre ragioni. Nonostante cinque settimane di isolamento, le infezioni nella più grande città del Paese oceanico proseguono a diffondersi, con 170 nuovi casi registrati venerdì. I soldati si uniranno alla polizia nei luoghi cruciali per assicurarsi che la gente si attenga alle disposizioni, che includono un limite di 10 chilometri (6,2 miglia). Il ministro della Polizia di Stato, David Elliott, ha asserito che l’esercito sarebbe stato d’aiuto, perché una piccola minoranza degli abitanti non osserva le norme.

AUSTRALIA: ESERCITO IN STRADA PER FARE RISPETTARE IL LOCKDOWN

Come riferisce la BBC, l’Australian Lawyers Alliance, gruppo per la tutela dei diritti civili, ha definito lo schieramento dell’esercito “preoccupante” in una democrazia liberale. L’epidemia ha in gran parte colpito i lavoratori e i grandi gruppi familiari nei sobborghi occidentali e sud-occidentali più poveri ed etnicamente diversi della città di Sydney e quelle aree hanno già affrontato restrizioni decisamente più severe che nel resto della metropoli.

“La nostra gente rientra nelle fasce demografiche più povere, e così com’è, si sente già presa di mira ed emarginata”, ha dichiarato Steve Christou, sindaco locale. “Non possono permettersi di pagare il mutuo, l’affitto, il cibo o il lavoro. Ora, fare uscire in strada l’esercito per imporre l’isolamento sarà un problema enorme per queste persone”. Altri amministratori hanno chiesto al governo di incrementare la campagna di vaccinazione e i servizi di supporto per le comunità colpite: al momento, il tasso di vaccinazione dell’Australia (17% degli adulti) è uno dei più bassi fra le nazioni OCSE.



© RIPRODUZIONE RISERVATA