Azzolina, 6 risposte su riapertura scuola/ Intervallo, ginnastica, mascherine…

- Davide Giancristofaro Alberti

La ministra Azzolina ha fatto chiarezza su alcuni aspetti riguardanti la scuola, ormai prossima a riaprire nella maggior parte delle regioni

Ministra Azzolina
Lucia Azzolina, ministra dell'Istruzione (LaPresse)

La ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, è stata protagonista di una sorta di sessione di domande e risposte. Gli studenti prossimi ad iniziare l’anno dopo sette mesi di attesa, hanno posto una serie di quesiti via Facebook all’esponente pentastellato, a cui la stessa ha replicato. “Tornare a scuola è prioritario – ha esordito l’Azzolina, come riporta TgCom24.it – le scuole saranno pronte ad accogliervi. A voi chiedo di fidarvi e di seguire poche e semplici regole”. In merito al ritorno a scuola, che per molte regioni avverrà lunedì prossimo, 14 settembre, ha affermato: “Le scuole interessate dal voto sono meno della metà. Le scuole hanno organizzato tutto per il rientro; in alcuni casi ci sono ingressi scaglionati. Informatevi sul sito del vostro istituto per sapere con certezza gli orari”. Per quanto riguarda invece la misurazione della temperatura corporea, la ministra ha confermato che la pratica andrà fatta a casa prima di recarsi a lezione, e che “Con la febbre sopra i 37 e mezzo si deve rimanere a casa e chiamare il medico”.

AZZOLINA SU MASCHERINE, QUARANTENA, EDUCAZIONE FISICA…

Sulle mascherine il Cts ha raccomandato l’uso di quelle chirurgiche, definite “più sicure”, e verranno fornite dalla scuola stessa: “Noi ne forniremo 11 milioni al giorno per studenti e personale scolastico – ha detto ancora la Azzolina – la mascherina va indossata all’ingresso, in uscita e nelle situazioni di movimento. Quando siete seduti, se c’è un metro di distanza, si può abbassare”. In merito invece all’eventuale quarantena in caso di uno studente o un prof positivo, toccherà all’Asl decidere il da farsi: “Più studenti useranno la app immuni più sarà facile circoscrivere i contatti per eventuali quarantene. Anche per i docenti si procederà con l’attività di tracciamento e la Asl deciderà la strategia più adatta”. L’intervallo si farà, rispettando ovviamente le regole delle mascherine e degli assembramenti, mentre per quanto riguarda educazione fisica: “Si farà rispettando il distanziamento di 2 metri e senza usare la mascherina. Ove possibile le attività di educazione fisica verranno svolte all’aperto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA