Ballata per Genova/ Un po’ di luce nella notte dedicata alle vittime del Morandi

- Jacopo D'Antuono

Ballata per Genova: musica, intrattenimento e passione. A dieci mesi dal crollo del ponte Morandi, l’evento solidale per rilanciare il capoluogo ligure…

Ballata per Genova min
Ballata per Genoa - foto Instagram

Musica, intrattenimento e passione in “Ballata per Genova“. A dieci mesi dal crollo del ponte Morandi, che ha causato la morte di 43 persone e cambiato la vita di centinaia di famiglie, la serata evento in onda su Raiuno ha portato in piazzale Kennedy migliaia di genovesi. Uno spettacolo cominciato sotto la pioggia, con Cristiano De Andrè in ‘Creuza de Ma’ per omaggiare l’indimenticato padre Fabrizio. A Genova il cuore batte per la musica, ma soprattutto per il calcio, così i due ospiti che per l’occasione rappresentano le due squadre della città c’è una grande accoglienza. Roberto Pruzzo per il Genoa, Roberto Mancini per la Sampdoria. E via a qualche sfottò simpatico in una serata in cui tutti, indipendentemente dalla fede calcistica, tifano per Genova. E’ una bella cartolina che arriva dalla lanterna nella notte di Ballata per Genova.

Ballata per Genova, Luca e Paolo: il monologo iniziale è ricco di significati

Chi se non Luca e Paolo, genovesi doc, avrebbero potuto impreziosire con simpatia e stile una serata importante come questa. A cominciare dal monologo in apertura, tutto dedicato alla propria terra: “Genova nera e bianca, Genova dove non vivo, mio nome sostantivo. Genova mia tradita, rimorso di tutta la vita. Genova anima via, tutta cantiere, bisagno, bel vedere. Genova di bombardamenti, Genova di tutta la vita, Genova di stoccafisso e garofano, bersaglio di dove inclina la rondine…”. Tra i grandi ospiti di Ballata per Genova non poteva mancare Gino Paoli, che insieme ai conduttori Amadeus-Clerici ha sottolineato come i nomi più grandi della storia abbiano qualcosa in comune con Genova. Da Colombo a Gassman, passando per Mazzini, Villaggio, Montale, Paganini e anche Mameli, Tenco.

Ballata per Genova, un prezioso contributo da parte di tutti

Grazie agli artisti che hanno partecipato a Ballata per Genova, ai telespettatori, al pubblico presente in piazzale Kennedy, ma soprattutto grazie alle migliaia di donazioni ricevute, la città di Genova potrà contare su ulteriori fondi per completare al meglio i lavori di riqualificazione dell’area sottostante il nuovo viadotto sul Polcevera. Una bella vittoria per una città che come ha ricordato il noto architetto Renzo Piano durante un collegamento “non chiede mai nulla”. A proposito di collegamenti, durante la serata si sono uniti virtualmente all’evento Laura Pausini e Biagio Antonacci con un medley che ha scatenato i tanti fan presenti tra la folla. Tra gli ospiti della Ballata anche uno spumeggiante Gigi D’Alessio, Arisa, i The Kolors ed Elodie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA