Battiston “Verso 30mila casi al giorno”/ “Con epidemia non vaccinati sistema in tilt”

- Silvana Palazzo

Roberto Battiston a Mezz’ora in più: “Rischiamo 30mila casi al giorno a Natale, con epidemia non vaccinati sistema in tilt”. Quindi, bisogna procedere con terza dose e vaccini a bambini…

ondate eventi sociali battiston 640x300
Rapporto tra ondate epidemiche ed eventi sociali

«Dobbiamo stare attenti perché se l’epidemia si sviluppa con grande intensità tra non vaccinati, rimettiamo in tilt il sistema». Il monito è di Roberto Battiston, direttore dell’Osservatorio epidemiologico dell’Università di Trento. A Mezz’ora in più, su Rai 3, ha fatto il punto della situazione sull’epidemia Covid in Italia, spiegando che ora è come un’influenza solo per chi si è immunizzato. «Se fossimo come in Portogallo, dove il tasso di vaccinazione è all’85-86%, vicino all’immunità di gregge, condizione in cui l’epidemia tende a spegnersi da sola, allora il Covid sarebbe come un’influenza, che per i vaccinati così è, fatta eccezione per qualche caso raro». Il problema per il fisico è che in Italia ci sono 6-7 milioni di persone non vaccinate, il 10% circa. «Un numero che metterebbe in difficoltà il sistema sanitario. Sono troppi per un Paese che è sotto l’80%. Siamo ancora troppo lontani dall’immunità di gregge. Per loro non è un’influenza, ha la stessa pericolosità di un anno fa».

Se in Portogallo non c’è un’opposizione vaccinale, perché si vaccinano tutti tranne i bambini, il nostro Paese non è purtroppo in queste condizioni. «Non possiamo sottovalutare gli effetti se la popolazione non vaccinata fosse sistematicamente colpita. È vero che fra vaccinati e guariti i suscettibili sono diminuiti, ma 7 milioni sono ancora tanti e non possiamo permetterci che la situazione ci scappi di mano».

“AVANTI CON TERZA DOSE E VACCINI A BAMBINI”

Roberto Battiston si è lasciato andare ad una previsione. «Ora l’epidemia ha un ritmo di 2mila nuovi infetti in più a settimana, quindi a Natale in questa situazione potremmo arrivare a 25-30mila casi al giorno, che non vuol dire che si riempiranno gli ospedali. Quindi, bisogna procedere con la terza dose e partire rapidamente con la vaccinazione dei bambini per arrivare alla meta. Il green pass è un problema meno urgente». Il fisico inizialmente aveva spiegato perché registriamo delle ondate periodiche: «Il meccanismo di propagazione del virus segue un andamento esponenziale, tende a raddoppiare dopo un certo periodo di tempo e diventa molto intenso, ma poi trova dei limiti che ad un certo punto lo riportano in una condizione in cui non riesce a moltiplicarsi».

RAPPORTO TRA ONDATE ED EVENTI SOCIALI

Nella prima ondata ci si è difesi con il lockdown totale. «All’inizio l’indice Rt era altissimo, con il lockdown è sceso mentre il numero degli infetti è calato successivamente, per cui se non lo avessimo fatto, il picco sarebbe salito in modo straordinariamente violento». Ad agosto 2020 invece «l’indice Rt è salito, ma la quantità degli infetti era bassa», ma poi è arrivata la seconda ondata, «che è stata devastante, è stata stroncata solo perché ad un certo punto è stato introdotto l’obbligo delle mascherine. Poi sono arrivate le zone rosse».

Siamo arrivati a Natale 2020, momento in cui la discesa si è fermata, «perché le zone rosse sono sparite, guarda caso l’indice Rt è salito e la curva degli infetti ha smesso di calare». Ora la situazione è diversa: «Quest’anno invece non c’è stata un’esplosione di casi, infatti la quarta ondata è cominciata a fine ottobre, questo per la campagna vaccinale e il Green pass che ha contenuto anche la terza ondata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA