Bellucci (vicem. Lavoro): “Assistenza anziani non autosufficienti priorità del governo”/ “Massimo impegno”

- Josephine Carinci

Maria Teresa Bellucci, viceministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, parla della riforma sull'assistenza agli anziani non autosufficienti

vita sedentaria: aumento rischio demenza senile Pixabay

C’è attesa per la Nadef perché “da lì capiremo il perimetro della manovra e quindi di quali risorse finanziarie potremo disporre”, spiega Maria Teresa Bellucci (Fdi), viceministro del lavoro. L’assistenza agli anziani non autosufficienti – assicura la politica del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali – è “una delle priorità assolute di questo governo, alla quale stiamo lavorando alacremente e in maniera condivisa con l’associazionismo e le opposizioni fin dal nostro insediamento”. L’obiettivo è portare i decreti delegati per la riforma dell’assistenza agli anziani non autosufficienti in Parlamento per gennaio 2024: “Dobbiamo e soprattutto vogliamo rispettare la scadenza. Infatti non ci siamo fermati neanche ad agosto con il lavoro preparatorio per mantenere l’impegno con gli italiani di innovare profondamente l’assistenza agli anziani non autosufficienti. Le attese sono forti e quindi stiamo cercando di mettere in sicurezza tutta la riforma facendola partire concretamente. È una priorità del Governo che ha tutta l’attenzione della Presidente del consiglio”.

La legge delega, però, non prevede nuovi stanziamenti? “In realtà, non è esattamente così. Perché sono già impiegabili i fondi previsti per la non autosufficienza e quelli dedicati ai caregiver. E soprattutto le risorse messe a disposizione dal Pnrr. Il nostro impegno, appena arrivati al governo, è stato proprio quello di approvare velocemente, entro marzo, la Legge delega per assicurarci i fondi stanziati dal Pnrr. Certo, questi sono previsti solo fino al 2026 ma possiamo utilizzarli per introdurre nuovi servizi di telemedicina, teleassistenza e per piattaforme digitali di informazione. Certamente, però, serviranno altre risorse finanziarie per far partire la riforma, ne siamo pienamente consapevoli”.

Bellucci: “Aspettiamo la Nadef e…”

Secondo il Patto per la riforma del welfare degli anziani non autosufficienti, sarebbe possibile un finanziamento progressivo. Si comincerebbe con 1,3 miliardi nel 2024. Maria Teresa Bellucci, viceministro al Lavoro e Politiche sociali, ad Avvenire spiega: “Il percorso della riforma sarà di legislatura e quindi effettivamente l’introduzione di nuovi servizi e sostegni sarà graduale di qui a fine 2027. Per comprendere quanto potremo stanziare per l’avvio, però, occorre attendere quantomeno la presentazione della Nadef (la Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza) il 27 settembre. In quel documento sarà tracciato il perimetro della manovra complessiva e quindi gli spazi entro cui potremo muoverci per i nuovi finanziamenti alla riforma”.

La volontà, però, è di portare a compimento questa importante riforma: “E credo che lo abbiamo già dimostrato approvando a tempo di record, 150 giorni dall’insediamento del governo, la Legge delega. Lo abbiamo fatto cercando e ottenendo un consenso molto ampio, anche al di là della nostra maggioranza. Abbiamo tenuto prima e continuato in questi mesi un confronto serrato con le associazioni che a vario titolo si occupano di anziani, con il Terzo settore e con il mondo delle professioni. Personalmente ho coordinato tutti i tavoli ministeriali a riguardo. Dopo 25 anni in cui non si è intervenuti per migliorare complessivamente l’assistenza agli anziani si sono stratificate molte difficoltà mentre i bisogni e le attese dei cittadini sono cresciuti. Proprio per questo, però, il nostro impegno è massimo per arrivare a una vera svolta”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Politica

Ultime notizie