Bollettino vaccini covid oggi 28 giugno/ 138.2 milioni di somministrazioni totali

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino vaccini covid oggi 28 giugno 2022: facciamo il punto sulla campagna di vaccinazione in Italia. Le quarte dosi sono giunte a quota ***

esenzione vaccini
Moderna, vaccini anti-Covid (LaPresse, 2022)

E’ giunto il momento di fare il punto sulla campagna di vaccinazione italiana con il nuovo bollettino vaccini covid di oggi, martedì 28 giugno 2022. Come sempre il ministero della salute e l’Iss, l’istituto superiore di sanità, hanno certificato i dati ufficiali poco dopo le ore 6:00, e l’ultimo aggiornamento segnala un totale di 138.2 milioni di dosi somministrate dal 27 dicembre 2020 ad oggi, giorno dell’inizio della campagna di vaccinazione. Il computo è cresciuto di circa 50mila inoculazioni rispetto al bollettino di ieri, a conferma, per l’ennesima volta, di una campagna di vaccinazione ormai immobile.

Del resto stanno crescendo pochissimo anche le quarte dosi, giunte oggi a quota 882.552, mentre le terze dosi sono ad oggi arrivate ad un totale di 39.7 milioni, pari all’83.3 per cento degli italiani avente diritto. Fermi infine anche i numeri inerenti i nostri connazionali che hanno completato il primo ciclo vaccinale e quelli che hanno ricevuto la prima dose, rispettivamente pari a 48.6 e 49.4 milioni.

BOLLETTINO VACCINI COVID OGGI 28 GIUGNO: ARRIVA IL NUOVO SIERO DI MODERNA

E a proposito del bollettino vaccini covid e dei numeri bassi, una spinta potrebbe arrivare in autunno dal nuovo farmaco a firma Moderna aggiornato per le due sottovarianti Omicron 4 e 5. “Ci stiamo preparando a fornire il nostro vaccino booster bivalente a partire da agosto, in vista di un potenziale aumento delle infezioni Sars-CoV-2 a causa delle sottovarianti di Omicron all’inizio dell’autunno”, ha annunciato Stephane Bancel, il Ceo dell’azienda americana, che ha spiegato che il candidato vaccino mRna-1273.214 ha mostrato “potenti risposte anticorpali neutralizzanti” contro BA.4 e BA.5.

Se tutto andrà come previsto già a settembre dovrebbe arrivare il via libera per i vaccini aggiornati, quelli bivalenti contro il virus originario di Wuhan e appunto contro Omicron. A partire da novembre, invece, dovrebbero essere disponibili vaccini specifici contro Omicron 5. L’obiettivo, secondo gli addetti ai lavori, è quello di far diventare la vaccinazione un appuntamento annuale, così come accade già per l’influenza.





© RIPRODUZIONE RISERVATA