Buono fiere 10.000 euro/ In cosa consiste l’incentivo a fondo perduto e quando scade

- Maria Melania Barone

Buono fiere 10000 euro, in che modo è possibile ottenere il rimborso al 50% delle spese sostenute per la partecipazione alle fiere sul territorio nazionale e internazionale?

fiere 2 640x300 La ripresa del settore fieristico, boom di richieste ma poca manodopera.

A partire dalle ore 10:00 del 7 settembre le persone che hanno un’azienda che parteciperà alle fiere dal 16 luglio al 31 dicembre 2022 potranno inoltrare domanda direttamente sul sito del Ministero dello sviluppo economico, per ottenere il fondo perduto di diecimila euro relativo al buono fiere 2022. Vediamo di cosa si tratta e come è possibile accedere a questa importantissima agevolazione.

Buono fiere 10.000 euro: solo per determinati tipi di aziende

Sappiamo che il settore fieristico in due anni di pandemia ha causato molti danni e partite economiche per una gran parte di aziende che hanno avuto problemi relativi alle restrizioni dovute al dilagare del covid 19 che, ha più ondate, finito per condizionare l’economia nazionale.

Tuttavia per poter accedere al contributo a fondo perduto del valore di 10.000 euro, bisognerà avere determinati requisiti. Anzitutto il contributo è erogato nei confronti di alcune specifiche categorie di imprese e aziende che operano nel settore fieristico del territorio nazionale. Si tratta di una misura messa in campo grazie al decreto del 22 agosto 2022 in cui sono state date le prime indicazioni ufficiali in merito alle modalità con cui è possibile ricevere il buono.

Come era stato già anticipato infatti il buono fiere permetterà alle imprese di ricevere fino a 10.000 euro per la partecipazione ad eventi, fiere e manifestazioni di diversa natura, anche internazionali, che saranno organizzate in Italia.

Buono fiere 10.000 euro: come fare domanda

Il governo ha stanziato complessivamente 34 milioni di euro che sarebbero destinati alle imprese sotto forma di un rimborso spese che concerne gli investimenti sostenuti dalle aziende che, per la loro attività, partecipano regolarmente fiere sul territorio nazionale e internazionale.

Il buono fiere era stato già introdotto con il decreto aiuti, durante l’inizio dell’insediamento del governo Draghi. Il buono fiere erogato nella misura di 10.000 euro, corrisponde al 50% di rimborso delle spese sostenute da parte delle imprese.

L’impresa tuttavia deve avere la sede legale in Italia. Dal momento che il buono potrà essere richiesto a partire dal 7 settembre sul sito del Ministero dello sviluppo economico, bisognerà indicare le spese già sostenute per le fiere che si terranno entro il 31 dicembre 2022 o, eventualmente, non appena sostenute queste spese inoltrare la domanda.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Economia e Finanza

Ultime notizie