Inter-Sassuolo (7-0)/ Sette reti bis e una lezione da imparare

- Giovanni Piolli

Inter-Sassuolo 7-0, il commento di GIOVANNI PIOLLI sulla netta vittoria nerazzurra di domenica a San Siro. Per gli uomini di Mazzarri bis del trionfo di un anno fa, Kovacic in copertina

kovacic_icardi
Mateo Kovacic e Mauro Icardi (Infophoto)

Ancora sette reti al Sassuolo ed una lezione da imparare… per l’Inter. Lo scorso anno sulle ali dell’entusiasmo del cappotto ai neroverdi, sempre ad inizio stagione, si cominciò a parlare di scudetto. La stagione poi prese una piega ben diversa, con obiettivi al ribasso, prese di consapevolezza, talvolta demotivanti, e punti persi per strada. L’Inter si è rinforzata, così come anche le principali concorrenti, ma ciò che più sembra soddisfare i tifosi è una strategia messa in atto dal nuovo presidente. Thohir ha inserito nell’Inter figure di caratura internazionale e sul mercato ha tracciato un piano economico e tecnico. Ovviamente sarà solo il campo a dire se la strategia è funzionale o meno, ma per i tifosi, avere un progetto chiaro è già molto. Contro il Sassuolo la partita si è sbloccata subito e i neroazzurri hanno avuto vita facile contro una squadra che è sembrata non pervenuta a San Siro. Qual è la vera inter: quella che non riesce a tirare in porta contro il Torino o quella che gioca uno splendido calcio contro gli emiliani? La trasferta di Palermo potrà dare qualche risposta in più, certamente non definitiva. Servono le conferme e la continuità di giocatori come Medel e Kovacic, che hanno fatto innamorare il pubblico con le proprie giocate. Hernanes è apparso un po’ opaco e, conoscendolo, sarà il primo ad allenarsi ancora più duramente per mostrare il proprio livello nella prossima partita. La stagione è appena cominciata ed ovviamente ogni giudizio o previsione non possono essere supportate da dati tangibili. L’entusiasmo attuale è quello giusto per continuare a crescere, consci che quest’anno bisogna cominciare a raccogliere quanto seminato lo scorso anno. I tifosi neroazzurri sono stati troppi anni senza soddisfazioni, la ricostruzione richiede tempo, ma l’Inter ha un blasone che richiede sempre il massimo, in ogni competizione. Giovedì spazio all’Europa League, competizione fondamentale per la crescita della squadra e della mentalità vincente necessaria. Le trasferte ed il percorso è arduo, ma non si può mollare nemmeno un centimetro. Avanti Inter!!!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori