Inter-Roma (1-0)/ Capolavoro di Mancini, adesso vietato fermarsi

- Giovanni Piolli

Inter-Roma 1-0: il commento di GIOVANNI PIOLLI sulla vittoria nerazzurra nell’undicesima giornata di Serie A. Capolavoro di Mancini a San Siro esaltato dal gol di Medel

medel_appiano
Medel Infophoto

L’Inter batte la Roma in una partita eroica e si prende il primato in classifica. Match a due facce quello di sabato sera. Nel primo tempo un’ottima Inter gioca alla pari con la Roma, rischiando qualcosa, ma sfiorando il gol in diverse occasioni. Al minuto 31 del primo tempo, è un tiro da fuori di Gery Medel a decidere la partita. Nel secondo tempo i giallorossi assediano il centrocampo neroazzurro alla ricerca del pareggio. L’Inter spreca diverse possibilità di contropiede per errori evitabili e rischia di prendere gol, ma alla fine riesce a mantenere la porta inviolata. Se non avesse vinto nello stesso modo diverse partite in questa stagione, si potrebbe dire che la squadra di Mancini è fortunata, ma dopo 11 giornate di campionato non si può giustificare ogni vittoria chiamando in causa la dea bendata. L’Inter ha affrontato una squadra forte, gli undici di Garcia corrono veloci e sono tecnici. Riuscire a non prendere gol è una grande soddisfazione per il reparto difensivo neroazzurro, tra le peggiori difese lo scorso anno. Sono cambiati diversi interpreti e sembra essere stato fatto un buon lavoro. Molto del merito di questa vittoria è da attribuire a Roberto Mancini. Il capolavoro tattico del tecnico Jesino, che ha spiazzato tutti lasciando fuori Icardi e cambiando i terzini, è degno dei grandi strateghi del passato. I giocatori hanno seguito ordinatamente le direttive del Mancio ed è apparsa chiara la strategia preparata per affrontare la Roma. In fase difensiva Perisic e Ljajic scivolavano indietro a coprire le fasce e la velocità delle ali giallorosse, nel contempo Guarin e Brozovic salivano a pressare i portatori di palla, mentre Medel copriva eventuali inserimenti centrali. Questa tattica futurista ed ordinata, ha permesso di limitare il gioco della Roma e fino a che l’autore del gol è rimasto in campo l’Inter ha subito poco. Ai neroazzurri si può solo recriminare l’incapacità di sfruttare il contropiede e la fase offensiva del secondo tempo, inesistente e rinunciataria. Resta il fatto che la partita contro la Roma è stata probabilmente la migliore dalla vittoria allo Juventus Stadium targata Stramaccioni. Serve ripetersi e continuare a crescere. L’Inter deve imparare a chiudere le partite. La partita di sabato sera ha dimostrato cosa può fare l’Inter, ma anche che potrebbe fare ancora di più. Per tornare grandi la strada è quella giusta, vietato fermarsi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori