Inter-Palermo/ Segnali di ripresa e un ottimo Brozovic. Ora la continuità

- Giovanni Piolli

Inter-Palermo 3-0: GIOVANNI PIOLLI analizza la vittoria dei nerazzurri che dopo un periodo di tre sconfitte consecutive tornano a sorridere con il gol di Guarin e la doppietta di Icardi

InterPalermo_Guarin
Foto Infophoto

Finalmente l’Inter ritrova il sapore della vittoria ed i tre punti. La squadra di Roberto Mancini gioca una buona partita contro il Palermo, segnando tre gol e soprattutto, notizia importante, senza subire reti. La prestazione non è stata molto diversa dalle ultime partite affrontate dai neroazzurri, ma questa volta il reparto offensivo è leggermente più efficace. Leggermente perché l’Inter non ha fatto una prestazione sontuosa, ma l’unica occasione del primo tempo l’ha sfruttata. Il gol di Guarin esalta il calcio d’angolo ben calciato da Shaqiri. Lo svizzero ex Bayern, tira i corner molto tesi in mezzo all’area avversaria. Ogni calcio d’angolo è un’occasione per la squadra di casa, che va spesso vicino al gol, anche dopo la rete del colombiano. Le altre due reti l’Inter le segna su azioni di rimessa, mentre il Palermo è obbligato a sbilanciarsi, ricercando un pareggio che non arriva. Senza dubbio la svolta della partita è stata quando il Palermo si è divorata tre occasioni da gol nella stessa azione. Un colpo di fortuna che in una stagione ricca di episodi sfortunati, fa ben sperare per il futuro. Che la dea bendata si sia ricordata dei neroazzurri? La fortuna aiuta gli audaci ed il palo prima e la traversa poi dimostrano come i calciatori dell’Inter vogliano questa vittoria. È una doppietta di Icardi, pescato per ben due volte da Fredy Guarin, che regala un netto successo alla squadra di casa. Dunque i due calciatori che una settimana fa avevano avuto un battibecco con alcuni tifosi, nella trasferta emiliana, risolvono la partita. Mauro Icardi dimostra ancora una volta di essere un cecchino infallibile, mentre il colombiano gioca una gran partita dimostrando di poter essere un centrocampista moderno, capace di fare bene sia la fase difensiva, che quella offensiva. Altra nota molto positiva della serata è Marcelo Brozovic, che ha giocato una grande partita, dando l’impressione ai tifosi di San Siro di rivedere in campo l’amato Stankovic. Un 3 a 0 che scaccia l’aria di crisi? Tutt’altro!! L’Inter vive ancora di episodi. L’impressione per buona parte della partita è che possa subire un gol da un momento all’altro. Il reparto difensivo non è ancora sicuro e il lavoro da fare è ancora molto. Anche la fase offensiva, che contro il Palermo ha portato la realizzazione di tre reti, deve migliorare. I tiri in porta contro i rosanero sono stati tre a cui si devono aggiungere il palo e la traversa. Se da una parte la statistica realizzativa è ottima, dall’altra il possesso palla e le azioni create non hanno prodotto molti tiri nello specchio della porta. Le vittorie aiutano a lavorare meglio, con maggiore fiducia ed ha creare quello spirito di squadra che, presto, deve diventare un’identità propria, da imporre in ogni partita. Questi tre punti devono portare ad una fame maggiore che si deve esplicitare nelle prossime partite. A Bergamo contro l’Atalanta, campo ostico per l’Inter, sarà una partita difficile. Si deve vincere e trovare continuità di risultato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di C'è solo l'Inter