CALCIO/ Inter e Milan, ultras contro Letizia Moratti

In segno di protesta contro l’introduzione della tessera del Tifoso voluta dal ministro Maroni, gli ultras avrebbero “scelto l’astensione, oppure il Terzo Polo e persino Pisapia”.

19.05.2011 - La Redazione
moratti-letizia-r400
Letizia Moratti (foto Ansa)

Correva l’anno 1982 quando le Curve di Inter e Milan siglarono un famoso “patto di non belligeranza”. Da allora il giorno del derby non ha più registrato problemi di ordine pubblico, ma è stato “giocato” solamente all’insegna della goliardia e degli sfottò tra tifosi. Come leggiamo sulle pagine della Gazzetta dello Sport, anche Josè Mourinho rimase impressionato dal clima di traquillità che aleggiava su Milano il giorno della stracittadina (“interisti e milanisti vanno allo stadio insieme e non succede nulla di violento”). E le tifoserie avrebbero rinsaldato questa comunanza di intenti anche in chiave elettorale, voltando le spalle ai tradizionali partiti sostenuti (la Curva Nord è da sempre schierata a destra, mentre la Curva SUd non ha una chiara connotazione politica) schierati con il centrodestra. Sempre la rosea riporta la spiegazione dei tifosi: “La Lega Nord ha tradito chi l’aveva votata. L’introduzione della Tessere del Tifoso è stato per noi un provvedimento per noi assurdo. Un’imposizione. Adesso anche l’opinione pubblica comincia a rendersene conto. Noi non siamo pupazzi per le loro attività di commercio e, soprattutto, vogliamo continuare a seguire il calcio con passione, da uomini liberi”.

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS SUGLI ULTRAS DI MILANO E IL VOTO ALLE ELEZIONI

Per questo motivo, in segno di protesta contro l’introduzione della tessera del Tifoso voluta dal ministro della Lega Nord Maroni, gli ultras avrebbero “scelto l’astensione, oppure il Terzo Polo e persino Pisapia”. E continuano: “con la Tessera del Tifoso hanno voluto ammazzare la nostra passione e allora ci è rimasto lo strumento più liberale di tutti: il voto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori