Stadio San Siro, accordo Inter Milan per ristrutturarlo/ Ultime notizie “Ma si valutano ulteriori soluzioni”

Stadio San Siro, accordo Inter Milan per ristrutturarlo. Ultime notizie ma le due società aggiungono: “Si valutano ulteriori soluzioni”

09.11.2018, agg. alle 12:46 - Davide Giancristofaro Alberti
Infortunio Higuain (LaPresse)

San Siro, accordo Inter Milan per il rinnovo dello stadio, ma non è da escludere che le due società meneghine possano traslocare altrove. Il comunicato congiunto, diffuso dalle due squadre, spiega infatti che «F.C. Internazionale Milano S.p.A. ed A.C. Milan S.p.A. comunicano di aver sottoscritto un protocollo d’intesa per sancire la volontà di lavorare assieme al progetto di realizzazione di uno stadio moderno e all’avanguardia. Un impianto adeguato agli standard attuali è fondamentale per permettere ai tifosi di godere di un’esperienza unica e per garantire successi dentro e fuori dal campo». Come dicevamo in apertura, non viene però specificato se il Giuseppe Meazza continuerà ad essere lo stadio dei nerazzurri e rossoneri: «I due Club stanno valutando una serie di opzioni possibili – il passaggio “chiave” – inclusa la ristrutturazione dello stadio San Siro, e hanno riavviato le attività di analisi delle diverse alternative attraverso la costituzione del gruppo di lavoro congiunto».

SAN SIRO, ACCORDO INTER MILAN

Come spiegato da Inter e Milan, la fase “esplorativa” si chiuderà al termine del 2018, e a quel punto si deciderà il da farsi: costruire un nuovo stadio, oppure, rendere ulteriormente moderno San Siro. Ieri, fanno sapere i club, c’è stato un incontro con il sindaco di Milano, Sala, che ha permesso di riaprire un «dialogo costruttivo e proficuo con la finalità di approfondire l’opzione di riammodernamento dell’area di San Siro». Insomma, da una parte Milan e Inter sembrano intenzionate a cercare una nuova soluzione, ma il finale del comunicato fa presagire una permanenza a San Siro. Secondo molti addetti ai lavori le due gloriose società calcistiche meneghine dovrebbero traslocare altrove, come del resto si mormora da anni. Durante l’ultimo periodo di gestione Berlusconi, il Milan fu infatti molto vicino all’avvio del progetto della costruzione di un nuovo stadio, poi il tutto svanì anche per via di una serie di intoppi burocratici.