Calciomercato Sampdoria/ News: ritorno Pazzini? Non tutti dicono sì. Notizie al 5 e 6 novembre (aggiornamenti in diretta)

Calciomercato Sampdoria news al 5 e 6 novembre: la Sampdoria potrebbe puntare al ritorno di Giampaolo Pazzini, centravanti del Milan che non trova spazio nella formazione di Inzaghi.

05.11.2014 - La Redazione
pazzini_burdisso
Giampaolo Pazzini (infophoto)

Oggi l’edizione del Corriere Mercantile parla del possibile ritorno di Giampaolo Pazzini alla Sampdoria durante il calciomercato invernale. Il Pazzo sta trovando poco spazio con la maglia del Milan e questo potrebbe portare all’addio del calciatore che ha bisogno di maggiore spazio. Pazzini tornerebbe volentieri alla Sampdoria, la squadra di Mihajlovic aumenterebbe la sua forza in attacco. Ma non tutti sarebbero d’accordo per il ritorno di Pazzini: la tifoseria è un po’ scettica soprattutto perché il Pazzo lasciò Genova nel gennaio 2011 per sposare il progetto Inter. La società blucerchiata cercherà di rinforzare la squadra del tecnico serbo che lotta per un posto in Champions League.

Fra le stelle indiscusse della Sampdoria 2014-2015 vi è senza dubbio Stefano Okaka. L’attaccante è arrivato in punta di piedi fra le fila del club blucherciato, esplodendo la scorsa stagione con l’avvento di Mihajlovic e confermandosi in questo straordinario inizio di campionato. Okaka sembrava destinato a fare la fine della classica promessa mai esplosa dopo l’addio alla Roma, ma al Marassi ha ritrovato la verve di un tempo, confermandosi ad alti livelli. Il suo contratto con la Sampdoria scadrà fra circa un anno e mezzo, al 30 giugno del , ma l’intenzione dello stesso è di prolungare il più possibile l’esperienza al Ferraris: «Il rinnovo? Lo spero e spero che succeda anche in fretta – svela Okaka in un’intervista rilasciata in esclusiva ai microfoni di Tuttosport Io qui sto bene, mi sono ambientato alla grande e soprattutto sono tornato a giocare e a divertirmi. Sarei felice di allungare ancora il mio contratto con la Sampdoria e di restare qui molto a lungo».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori