CALCIOMERCATO/ Inter, Petralito (ag. FIFA): Dzeko erede di Milito? Ci sono due grossi ostacoli… (esclusiva)

- int. Giacomo Petralito

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Giacomo Petralito, ag. FIFA, ha parlato dell’interesse dell’Inter per Edin Dzeko, attaccante bosniaco del City che potrebbe arrivare nel mercato di giugno

dzeko_city_tottenham
Edin Dzeko, attaccante del Manchester City (Infophoto)

Un nodo da sciogliere per gli uomini mercato dell’Inter è certamente quello di trovare un erede per il Principe Milito. Non è facile, tutt’altro, e per gennaio si è decidi di ricorrere a Tommaso Rocchi, attaccante di grande valore (un po’ in là con gli anni) ma relegato nella sua Lazio a una panchina – a conti fatti – davvero ingiusta per un attaccante della sua caratura. Il problema quindi si “sposta”, ma rimane: per sostituire un top come Milito serve senz’altro un attaccante con le medesime caratteristiche, di gioco e di spessore. A proposito del mercato di gennaio, Moratti ha dichiarato che non vorrà fare spese pazze, mentre a giugno qualcosa di più grosso potrebbe muoversi. Ma le spese estive dell’Inter dipenderanno anche dall’eventuale qualificazione in Champions League o meno, obiettivo attualmente alla portata ma non sicuro. Per questo motivo a gennaio verranno presi dei giocatori utili e funzionali fin da subito. A giugno poi arriverà qualche grande giocatore, di certo si dovrà trovare l’erede di Milito visto che il campione argentino quest’anno compirà 34 anni. E’ di oggi la notizia che vuole l’Inter sulle tracce di Edin Dzeko, bomber bosniaco del Manchester City classe 1986, che con Mancini non è considerato un titolare. Parliamo di un calciatore dotato tecnicamente e fisicamente con un forte senso del gol. Giacomo Petralito, agente fifa che conosce molto bene il giocatore, in esclusiva a Ilsussidiario.net, ha dichiarato: “Per rendere l’idea è come se il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama decidesse di giocare a calcio. Come dire, è una cosa vicina a essere considerata impossibile“. Un modo ironico per spezzare i sogni dell’Inter. Petralito analizza l’affare e spiega il perché delle difficoltà della trattativa per portare il bomber bosniaco all’Inter: “Dzeko ha un valore di mercato altissimo e le squadre italiane non possono spendere tanto e il Manchester City non vuole cederlo a un prezzo basso. E poi c’è l’ingaggio che è pesante e visto che l’Inter ha problemi con Sneijder mi sembra difficile che possa sborsare tanti soldi per il centravanti bosniaco. Ovviamente si tratterebbe di un grandissimo acquisto, è un affare difficile però nel calciomercato mai dire mai“. I nerazzurri non vogliono assolutamente perdere l’occasione di prendere un grande centravanti per la prossima stagione, anche perchè Milito dovrebbe tornare in Argentina al termine del suo contratto, che scade nel 2014.

Il mercato dell’Inter passerà soprattutto dalla qualificazione alla prossima Champions League e anche alla cessione di Sneijder, che guadagna più o meno quanto Dzeko (circa 6 milioni di euro a stagione). Il calciatore olandese potrebbe andare via a gennaio visto che piace molto al Galatasaray.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori