Capuozzo: “Guerra Ucraina? Erdogan unico vincitore”/ “La Russia non sta perdendo…”

- Davide Giancristofaro Alberti

Secondo Toni Capuozzo c’è un solo vincitore nell’annessione di Finlandia e Svezia alla Nato, e nella guerra in Ucraina: il riferimento è a Erdogan

capuozzo controcorrente 2022 592x300
Toni Capuozzo a Controcorrente

Secondo Toni Capuozzo sembrerebbe esservi un solo ed unico grande vincitore fino ad oggi nella guerra Ucraina, ed è il presidente della Turchia, il Califfo Erdogan. La nazione che separa di fatto il mondo cattolico da quello musulmano è stata spesso e volentieri protagonista in questi 4 mesi di conflitto fra ucraini e russi, con una serie di mediazioni, fino a quanto avvenuto nelle scorse ore. Il riferimento è ovviamente all’annessione di Finlandia e Svezia alla Nato, un ingresso nell’Alleanza Atlantica che è stato ufficializzato anche ieri dal numero uno Jens Stoltenberg, è che stato favorito proprio dalla Turchia.

Fino a pochi giorni fa, infatti, Ankara si era sempre opposta a tale espansione, ma alla fine ha ceduto, ottenendo però in cambio un ghiotto bottino, leggasi la liberazione di 33 terroristi rinchiusi nelle carceri di Finlandia e Svezia, o per lo meno così raccontano i più ben informati. Ecco perchè, come dicevamo in apertura, la Turchia sembra essere fino ad oggi l’unica trionfatrice in questo conflitto assurdo, così come spiegato da Toni Capuozzo, ospite ieri del programma di Rete 4, Controcorrente.

TONI CAPUOZZO: “LA TURCHIA HA CONQUISTATO UN RUOLO IMPORTANTE”

“L’unico vincitore di oggi – sentenzia il noto giornalista, storico inviato di guerra di casa Mediaset – è Erdogan, la Turchia, che ha conquistato un ruolo importante e ha obbligato noi, l’Europa, ad applicare in nome dell’utilitarismo militare il principio sacro di ospitare da noi gli esuli curdi che hanno lottato per noi contro lo Stato islamico”.

Poi Capuozzo ha aggiunto, riferendosi al vertice della Nato attualmente in corso a Madrid: “Nella misura in cui si identifica l’Unione europea con la Nato, stento a vedere i russi sempre a due passi dal perdere la guerra come ci raccontano i grandi giornali italiani, come una minaccia alla Scandinavia, ai paesi baltici, beh ci penserei sopra”. Un pensiero molto lucido e come sempre assolutamente condivisibile quello di Toni Capuozzo.







© RIPRODUZIONE RISERVATA