Cile, scomparso aereo militare con 38 persone a bordo/ Aeronautica: “Distrutto”

- Dario D'Angelo

Cile, aereo militare scomparso dai radar con 38 persone a bordo: era diretto in Antartide. L’Aeronautica militare ha detto di considerarlo “distrutto”.

aereo cile scomparso 2019 twitter
Cile, scomparso aereo militare (foto Twitter da Aeronautica cilena)

Cile: un aereo militare con a bordo 38 persone è scomparso dai radar dopo essere decollato dalla base di Chabunco a Punta Arenas, nel sud del Paese, alla volta dell’Antartide. L’aereo C-130 Hercules è decollato alle ore 16:55 e ha perso i contatti con la stazione radio alle ore 18:13, prima di atterrare alla base Presidente Eduardo Frei Montalva Base. Come riportato da “La Repubblica”, nelle prime ore della mattina la terribile notizia: “L’Aeronautica militare cilena comunica che, dopo sette ore da quando ha perso il contatto radar, considera distrutto l’aereo C-130 Hercules”, Nella nota dell’aeronautica viene precisato che tutte le risorse navali e aeree disponibili nella zona, sia cilene che straniere, stanno in ogni caso perlustrando la zona dove sono stati persi i contatti nel tentativo di soccorrere eventuali sopravvissuti. Secondo le informazioni ufficiali, delle 38 persone a bordo: erano 17 i membri dell’equipaggio, mentre gli altri 21 erano passeggeri.

CILE, SCOMPARSO AEREO MILITARE: AERONAUTICA, “DISTRUTTO”

L’ormai sempre più probabile incidente aereo che ha coinvolto il velivolo militare è soltanto l’ultimo dramma di un Paese, il Cile, che negli ultimi due mesi ha fronteggiato un clima da guerra civile per le proteste contro la diseguaglianza sociale ed economica. Secondo l’Organizzazione degli Stati americani, la crisi e le sue manifestazioni violente hanno provocato 26 morti e oltre 12.000 feriti. Rispetto all’aereo militare scomparso dal radar si apprende che il velivolo a quattro motori decollato dalla base aerea di Chabunco a Punta Arenas, situata a circa 3.856 miglia a sud della capitale Santiago, ha svolto principalmente attività di supporto logistico.  Il viaggio verso l’Antartide serviva infatti a trasferire il personale affinché ispezionasse la conduttura di rifornimento di carburante galleggiante della base ed effettuasse un trattamento anticorrosivo della struttura.



© RIPRODUZIONE RISERVATA