ANNOZERO/ Video Il servizio sul degrado di Pompei: erbaccia, sporcizia e cani randagi ovunque

- La Redazione

 Il servizio di Francesca Fagnani andati ieri in onda ad Annozero ha mostrato lo stato di assoluto degrado e abbandono in cui versa Pompei.

santoro_blu_R400
Pubblicità

Il servizio di Francesca Fagnani andati ieri in onda ad Annozero ha mostrato lo stato di assoluto degrado e abbandono in cui versa Pompei.

Degrado, sporcizia, abbandono: il servizio di Francesca Fagnani andato in onda nella puntata di Annozero di ieri offre una fotografia piuttosto triste dello stato in cui versano le rovine di Pompei, al di là del crollo della Domus dei gladiatori. «Siamo entrati dentro gli scavi, ma nessuno ci ha fermato per controllare il bagaglio, racconta linviata addentrandosi nel sito archeologico. «Possiamo vedere tutte le radici che montano sopra la pareti, spiega, illustrando la parete di un edificio. Degrado, ma anche tanti sprechi. «Sono stati spesi più di 100mila euro per fare transenne. Guardate quanto è facile entrare, mostra, scavalcandone una. Non solo. La giornalista, per sottolineare la completa mancanza di controlli, prende un pietra, e afferma: «guardata quanto è facile portarsi via una pietra, un souvenir da una casa millenaria, mettersela in borsa e portarseli a casa. Ovviamente, la Fagnani ripone le pietra al suo posto. Le telecamere si spostano, riprendono un piccolo pozzo: «E lasciato scoperto, cè della spazzatura. Si passa nella stanza di unaltra abitazione: «In questaltra stanza, sono visibili resti di affreschi. Anche qui, chiunque si può portare a casa un ricordo. Il viaggio nellincuria continua: «Si sono sterpaglie, erbacce ovunque. In questa stanza, un capitello in mezzo alla sporcizia. Come se non bastasse, «nonostante siano stati investiti più di 100mila euro dati alla Lav, per non fare girare i cani randagi, i cani randagi continuano ad esserci, dice, mostrando degli animali che si aggirano indisturbati. Lultima chicca, infine. «Qui, addirittura possiamo vedere delle scritte sui muri. Ovviamente, non si riferisce a ad antiche iscrizioni, ma allatto di qualche vandalo che ha potuto agire indisturbato

CLICCA >> QUI SOTTO PER IL VIDEO DEL SERVIZIO SU POMPEI

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori