CHI/ Tiraboschi (direttore Italia 1): il successo di Vieni via con me e Annozero? Si basa tutto sulla provocazione

- La Redazione

Il direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, intervistato da Chi ha commentato il successo di programmi come Vieni con me e Annozero

fazio_R400
Fabio Fazio, conduttore di Che tempo che fa

Il direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, intervistato da Chi ha commentato il successo di programmi come Vieni con me e Annozero.

Intervistato da Chi, il direttore di Italia 1, Luca Tiraboschi, spiega, dal suo punto di vista, il perché del successo di programmi come Vieni con me e Annozero. «Conosco alcuni dei personaggi che realizzano questi programmi afferma – giocano a provocare sapendo che la controparte abboccherà. E, a proposito delle continue contrapposizioni con i vertici Rai e delle polemiche che si alimentano continuamente, spiega: «Penso sia solo un atteggiamento ingenuo da parte dei controllori, che alimentano il fuoco di un incendio già divampato. Parlando, poi, della presenza di Enrico Ruggeri tra i giudici di X Factor, che ha iniziato la sua carriera televisiva proprio a Mediaset, come conduttore di Il Bivio e Mistero, commenta: «Lho trasformato da cantautore a conduttore televisivo. Peccato, aveva grandi chance come conduttore. Ma la musica lo ha attratto come una calamita. Non so dove lo porterà X Factor, spero lontano.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LARTICOLO

Sull’eventualità dell’ingaggio della campionessa di nuoto Federica Pellegrini nelle vesti di conduttrice di “Focus tv”, racconta: «Ci siamo incontrati, volevamo proporle un programma divulgativo, ma lei è molto impegnata con gli allenamenti. Ci risentiremo per nuovi progetti». Tiraboschi, infine, ha detto la sua anche sul clamore mediatico del caso Sarah Scazzi e il boom di ascolti che ogni programma che ne parla ottiene: «Il delitto di Avetrana ricorda “Twin Peaks”, la serie tv sul lato oscuro della tranquilla provincia americana, teatro di un delitto efferato. Forse la curiosità nasce da questo contrasto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori