STRISCIA LA NOTIZIA/ Video: tapiro doro a Benigni battuto da Checco Zalone. Riassunto puntata 24 gennaio 2011

- La Redazione

Il resoconto del tg satirico di Antonio Ricci andato in onda ieri sera

striscia-la-notizia_scrittaR400
Striscia La Notizia

Striscia la notizia video tapiro doro a Roberto Benigni e riassunto puntata 24 gennaio 2011 Striscia la notizia ha regalato una divertente puntata, di cui vi proponiamo il riassunto, per chi non lavesse vista. Il momento più atteso è stata la consegna del Tapiro a Roberto Benigni: in due settimane di permanenza nelle sale cinematografiche il film di Checco Zalone ha superato gli incassi di La vita è bella, la pellicola che ha vinto tre Oscar nel 1998 interpretata e diretta dallattore e regista toscano. Simpatica la reazione di Benigni, come potrete vedere nel video alla pagina seguente. Momento cult della puntata del lunedì sera Striscia lo striscione, la rubrica di Crsitiano Militello, che ha mostrato le più singolari scritte apparse negli stadi, per non parlare delle papere sia dei giornalisti sportivi sia dei calciatori in campo, alcuni dei quali si cimentano in vere e proprie acrobazie aeree nel Tutti giù per terra.

E in coda non possono mancare gli strampalati saluti a Ezio Greggio e a Michelle Hunziker.

Ieri sera i telespettatori hanno premiato il tg satirico di Antonio Ricci, che è risultato programma più visto della giornata con 6.898.000 telespettatori (pari al 23.53% di share). I dati ottenuti dal Tg satirico di Antonio Ricci si incrementano sul target commerciale, pubblico di riferimento per gli investitori pubblicitari, dove il programma registra il 27.37% di share, staccando di oltre 12 punti percentuali il programma di Raiuno I Soliti Ignoti. La puntata ha raggiunto picchi che sfiorano gli 8 milioni e mezzo di telespettatori (8.440.280 ascoltatori).

Non poteva mancare uno spazio di satira dedicata alla politica, con le interviste di Dario Ballantini travestito da ministro Maroni. Poi spazio allo spezzone di L’ultima parola con lo scontro Melandri-Sallusti-Gasparri.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori