RIS ROMA 2/ Video Mediaset seconda puntata: il funerale di Flavia Ayroldi, 29 marzo 2011, serata con i “delitti imperfetti”

- La Redazione

La straziante scena che ha aperto la seconda puntata della fiction di Canale 5 in cui la squadra del capitano Lucia Brancato ha detto addio alla sottotenente uccisa dalla banda del lupo

risroma2_funeraleR400
I funerali di Flavia

In Ris Roma 2 delitti imperfetti una straziante scena ha aperto la seconda puntata, andata in onda ieri sera, 29 marzo 2011: si tratta del funerale di Flavia Ayroldi, la sottotenente italo giapponese uccisa dalla banda del Lupo (il finale del primo appuntamento con la fiction). Il capitano Lucia Brancato (Euridice Axen), Daniele Ghirelli (Fabio Troiano), Emiliano (Primo Reggiani), Bartolomeo Dossena e il nuovo acquisto Orlando Serra erano al cimitero davanti alla bara della collega. Ed toccato proprio a Ghiro, che è stato testimone oculare della morte tragica e crudele di Flavia, fare un breve discorso per ricordarla. E vedrete nel video alla pagina seguente che lo farà in modo commovente e allo stesso tempo straziante. Alla fine del primi episodio di Ris Roma 2 andato in onda ieri cè stato un secondo addio alla sottotenente della squadra,. Un arrivederci, sayonarain giapponese, a un amica sfuggente e presente allo stesso tempo, che le hanno fatto Ghirelli e la sia fidanzata. Ma lindagine sulla banda del lupo non lascia ai Ris troppo tempo per piangere unamica che non cè più e dopo numerose indagini sui nuovi crimini commessi dal gruppo di criminali, la squadra della Brancato è arrivata a una sconcertante scoperta: nella banda cè anche una donna, che indossa la maschera di un coniglio ed Giordana Ravelli, la ragazza rapita dal gruppo nel primo episodio. In realtà i Ris di Roma hanno scoperto che il sequestro era tutto una messa in scena e la ragazza in realtà è stata la basista per la rapina in casa della sua famiglia. I Ravelli non sanno ancora che la loro figlia è in realtà elemento di un gruppo di pericolosi criminali. Alla pagina seguente il video.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori