CHE TEMPO CHE FA DEL LUNEDI’/ Prima puntata: Fabio Fazio, Paolo Rossi e Simone Cristicchi su crisi economica e Fiat (video). 1 ottobre 2012

- La Redazione

Ha preso il via ieri sera la nuova attesa stagione di Che tempo che fa del lunedì, ovviamente condotta da Fabio Fazio. Ecco cosa è avvenuto ieri e il video della puntata

fazio_saviano_r439
Foto InfoPhoto

Ha preso il via ieri sera la nuova attesa stagione di Che tempo che fa del lunedì, ovviamente condotta da Fabio Fazio. Il primo appuntamento di questa nuova edizione ha rivolto la propria attenzione ai diversi temi che negli ultimi giorni hanno interessato il panorama italiano. Il primo ospite della serata è il giornalista Massimo Ravegnini, presenza fissa del programma, che ha presentato i fatti che più lo hanno colpito dellultimo periodo. Ravegnini parla dunque della corruzione della politica e in particolare dei fondi pubblici che, soprattutto a livello regionale, sono stati utilizzati nel peggiore dei modi o per scopi personali. In particolare si parla di un gruppo politico che nella Regione Piemonte è formato da un solo esponente e che quindi, come spiega Ravegnini, ha dato vita ad un monogruppo che, nonostante ciò, è riuscito ad avere dal Consiglio Regionale la bellezza di 200 mila euro allanno. Inoltre, come se non bastasse, ha deciso di avvalersi della collaborazione esterna di familiari come la moglie e la figlia. Insomma, un gruppo politico a conduzione familiare i cui introiti politici sono davvero elevati. Poi Ravegnini parla di Berlusconi e Bersani che hanno in comune il fatto di essere nati entrambi il 29 settembre. A proposito del segretario nazionale del Partito Democratico, Ravegnini spiega che anche se dovesse riuscire a battere nelle primarie del partito il sindaco di Firenze Matteo Renzi, per lui ci sarebbe il rischio concreto di doversi fare da parte, magari nel ruolo di vice primo ministro anche nel caso di ulteriore vittoria nelle elezioni politiche. Si cambia argomento e, dopo un pezzo musicale presentato da Simone Cristicchi sulla crisi economica, viene introdotta in studio una dipendente dello stabilimento Fiat di Mirafiori a Torino, dove i dipendenti avevano votato sì al referendum interno indetto dallamministratore delegato Sergio Marchionne dietro la promessa di questultimo di nuovi investimenti in Italia per circa 20 miliardi, cosa che poi lo stesso dirigente ha dichiarato non più attuabile. A parlare di questo e di quella che è diventata la sua vita dopo la crisi, è dunque Alessandra Martino, 36enne di Torino, madre di due figli che, trovatasi di fronte a questi problemi di natura economica, è costretta insieme al proprio marito a razionalizzare le risorse per cercare di non far mancare niente ai propri figli. Il prossimo ospite con il quale Fazio effettua una interessante intervista è il Cardinale Camillo Ruini, con il quale viene dibattuto parte di quanto egli stesso ha parlato in un saggio letterario intitolato Intervista su Dio. Diversi gli argomenti teologici, come ad esempio il perché si ricercano motivazioni sullesistenza di Dio e dei problemi della Chiesa moderna. A tal proposito viene ripresa lultima intervista rilasciata dal Cardinal Martini in cui palesò come la Chiesa stesse pagando un ritardo di ben 200 anni. In effetti, anche Ruini si mostra concorde con questa analisi, sottolineando come abbia inteso come una sfida la centralità dellindividuo rispetto alla centralità di Dio. Poi si è parlato di come in alcune cose probabilmente si potrebbe cambiare atteggiamento, mentre in altre ci sia una sorta di limite invalicabile e in particolare come Dio non cambi, come la Chiesa debba raccontare di Gesù Cristo e come tutto ciò che va contro la natura stessa delluomo non può e non deve essere accettato. Unultima battuta viene poi riservata alludienza che parte domani con il cosiddetto Corvo, Paolo Gabrieli, che deve rispondere dellaccusa di aver preso e divulgato allesterno alcuni documenti dallinterno del Vaticano. Dopo il Cardinale Ruini, viene raccontata la storia del principale protagonista del film Reality di Matteo Garrone, ossia Aniello Arena che, come noto, è un detenuto condannato allergastolo che però, avvalendosi dellarticolo 21, di giorno può esercitare un lavoro che nel caso specifico è quello di attore cinematografico. Tra laltro il film sta avendo un grandissimo successo e ha conquistato il Gran Premio della Giuria al Festival del Cinema di Cannes. Una storia davvero straordinaria di un uomo che afferma di essere completamente unaltra persona. Dopo Aniello Arena arriva il momento di Paolo Rossi che basa il proprio intervento su uno sketch in cui si parla dei principali problemi economici riportati allinterno di una famiglia italiana. La trasmissione termina poi con Felice Gimondi e i suoi settantanni appena compiuti. Gimondi porta alcuni cimeli della propria carriera e in particolare di quando nel 1965 vinse il Tour De France.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori