CHI LHA VISTO?/ Violenza allAquila: la giovane non era consenziente. Caso Yara Gambirasio: sospetti su un giovane… puntata 29 febbraio 2012

- La Redazione

Chi l’ha visto. Violenza allAquila: la giovane non era consenziente. Caso Yara Gambirasio: sospetti su un giovane che frequentava una discoetca vicina… puntata 29 febbraio 2012

yara_gambirasio_r400
Foto Infophoto

Chi l’ha visto. Violenza allAquila: la giovane non era consenziente. puntata 29 febbraio 2012 – Ieri sera nella puntata di Chi lha visto? su Rai Tre sono stati affrontati alcuni dei casi di cronaca nera che negli ultimi mesi occupano lattenzione dei media: il caso della ragazza violentata alla discoteca Guernica Pizzoli (AQ), e le scomparse di Roberta Ragusa a San Giuliano Terme (PI), di Silvana Pica a Pescara oltre alla vicenda non risolta di Denise Pipitone. Inoltre, si parla anche di un possibile testimone oculare del mostro di Udine.
Un breve aggiornamento verrà dato anche sul caso di Yara Gambirasio e sull’arresto del killer di Vittorio Scifo.
La trasmissione comincia con i RIS giunti a San Giuliano per un sopralluogo, intenzionati a far luce sulla sparizione di Roberta Ragusa. Un filmato ripercorre la vicenda. Tra le altre cose, vengono mostrate le amiche della palestra, a cui lei confidava un matrimonio fatto di continui litigi mai sedati. Sembra anche che il marito avesse un’amante. E proprio lui non sa dire se la donna dormì con lui o meno quell’ultima notte. L’uomo racconta infatti di aver messo la figlia a letto e di essere andato a dormire a sua volta. All’appello mancano anche un pigiama e delle scarpe da ginnastica, che non si sa che fine abbiano fatto.
Il secondo caso è un appello lanciato per la scomparsa di Silvana Pica, interprete 57 enne di Pescara, avvenuta il 17 Gennaio. Afflitta da turbe mentali, la donna ha saltato alcune sedute di psicoterapia. In un video, la pischiatra Michela Polzella e il suocero fanno l’appello. Nonostante fosse separata, infatti, la donna trovava conforto in quest’ultimo. Il suo legale parla proprio di divorzio come di un fattore scatenante. Per la psichiatra Polzella, c’è stata anche un’angoscia legata al parto dell’unico figlio avuto dal consorte.
In studio vi è poi l’avvocato Enrico Maria Gallinaro, legale della ragazza (rimasta anonima) stuprata fuori dalla discoteca a l’Aquila. Il padre, intervistato di spalle, racconta: “lei non ricorda nulla, ha come un vuoto di qualche ora. L’ultima cosa che le viene in mente è di aver preso un cocktail con un vocalist suo amico”. Francesco Tuccia, militare 21 enne, ha ammesso di aver avuto un rapporto con lei: ma parla di atto consenziente. E del sangue, racconta che lei aveva avuto le mestruazioni: ammette di aver usato una mano, probabile causa di un emorragia, ma precisa di averlo fatto senza intenzione di ferirla. Quando lei si è accasciata a terra, il militare dice di essersi impaurito e di essere scappato all’interno. Ma Gallinaro in un video ha raccontato che il referto medico è ben più drammatico: “qualsiasi rapporto, anche della natura più violenta, non è tale da aver potuto causare delle lesioni cosi gravi”. Poi, in studio, il legale aggiunge altri elementi: “parlare di consenso è una follia: data la violenza dell’atto deve essersi per forza ribellata”. Poi, egli si pronuncia sui due militari che, quella sera, erano con Francesco: “a noi interessa accertare la verità, ma ci sono senza dubbio zone d’ombra sulla faccenda. Ci si chiede che ruolo abbiano avuto loro nella vicenda”.
Alla fine di tale intervento, una carrellata di persone scomparse in questi giorni viene mostrata con le foto relative  e rimandando al sito per approfondimenti.
A seguire, in studio sono giunti, per un appello,la mamma di Denise Pipitone, Piera Maggio, e il legale di famiglia Giacomo Frazzitta. La bambina è scomparsa nel 2004. Durante il processo avvenuto a Marsala nei giorni precedenti, l’accusa è ricaduta su Jessica Maggio (sorella di Piera) e su Anna Corona (madre della stessa). Le due odiavano la figlia per motivi legati al divorzio della signora Corona. 

Quest’ultima si ipotizza sia stata aiutata da un’amica (fidanzata di un magistrato) ad insabbiare il caso. Tant’è che Anna Corona potrebbe non aver subito alcuna perquisizione. Inoltre, un vigilante di nome Felice Grieco ha scoperto un video che ritrae una bambina molto somigliante a Denise che tiene la mano a una donna di origini Rom, non escludendo che essa sia stata data in affidamento a qualcuno. L’avvocato Frazzitta si dice indignato: “va riaperta un’indagine per stabilire come si siano condotti gli accertamenti del caso. Il tempo passa e diventa tutto più difficile”.
Poi, si parla del “mostro di Udine”, autore del massacro di più di 10 donne. Una donna pare abbia visto l’aggressore proprio quella sera, assieme a una delle vittime, e lo abbia anche riconosciuto. In un’intervista della trasmissione, la testimone oculare conferma il suo avvistamento nuovamente. Ma è ancora presto per catturarlo: la procura vuole prove più consistenti, e non rivela, ovviamente, le sue prossime mosse.
Un breve aggiornamento giunge sul caso di Yara Gambirasio: è stato analizzato il Dna di un ceppo familiare affine a quello trovato sugli slip e sui leggins della vittima. La polizia ha analizzato tutta la famiglia, riscontrando però solo somiglianze e nessuna certezza. Tuttavia vi è un ragazzo che frequentava la discoteca “Sabbie Mobili” di Chignolo d’Isola (nelle vicinanze della palestra di Yara), che, pur non avendo Dna coincidente, ha destato alcuni sospetti. Ma le indagini, pur non escludendo la pista, portano alla luce prove deboli.
Infine, si parla di Vittorio Scifo, denominato “il mago di Tobruk”, il quale è stato assassinato a 30 anni a Gela, in Sicilia. E’ stato arrestato, 28 anni dopo il fatto, il Killer Giovanni Passaro(56 anni), che per conto della mafia ha eseguito l’omicidio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori