LONORE E IL RISPETTO 3/ Carmela vuole uccidere Tonio, che si innamora di Fabiola De Nisi. Anticipazioni terza puntata e riassunto seconda

- La Redazione

Il resoconto del secondo avvincente episodio della fiction Ares in onda su Canale 5, con Gabrile Garko, Alessandra Martines, Laura Torrisi. E iniziata la spietata vendetta di Tonio

onore-rispetto3_grako-martinesR439
L'onore e il rispetto

LOnore e il rispetto sta appassionando i telespettatori di Canale 5: altri colpi di scena arriveranno nella terza puntata di LOnore e il rispetto parte terza (anticipazioni alla pagina seguente), ma non sono mancati coinvolgenti sviluppi della trama nel secondo episodio, di cui di seguito vi proponiamo il riassunto. Dopo il tragico attentato ad opera di Mancuso e di Di Venanzio, Tonio Fortebracci (Gabriel Garko) giura vendetta sulla tomba di suo fratello Santi. Viene contattato da Francesca De Santis (Alessandra Martines), lunica a sapere che Tonio è vivo, per avere conferma delle identità dei mafiosi. La giudice gli chiede di testimoniare contro di loro, ma Tonio partirà per gli Stati Uniti, per dare inizio al suo piano che dovrebbe portarlo alleliminazione della cupola di Cosa Nostra Burattinaio (Toni Bertorelli) compreso. Intanto luomo della Procura colluso con la mafia fa notare a Donelli (Federico Scrivani Rossi) che la colpa dellattentato in cui è morta Melna è della De Santis: luomo in realtà vuole sbarazzarsi della giudice. Francesca è così costretta a rivelare a Donelli che Tonio è vivo, ma non lha reso noto per proteggerlo. Donelli dice a Francesca che  ha due settimane per convincere Tonio a testimoniare, dopo di che emetterà un mandato di cattura. Tripolina (Giuliana De Sio) allarmata dallagghiacciante telefonata della figlia Venere (ormai uccisa per mano di Di Venanazio) va a casa di Fortunato minacciando di ucciderlo se non le dice dovè Venere. Di Venanzio nega di averla vista. Tripolina chiede aiuto a Mancuso (Mario Cordova), che difende Fortunato, dice che è impossibile abbia commesso un atto grave come la violenza e sostiene che Venere ha fatto una fitina e tornerà a casa. Fortunato intanto occulta il cadavere di Venere e lo fa ritrovare in una casina, impiccata. Carmela (Laura Torrisi) torna a casa da suo fratello, che quando viene a sapere che è incinta di Tonio Fortebracci, la segrega in casa. Tonio Fortebracci vola a New York, per entrare negli affari legati al traffico di droga della mafia americana. Una delle attività di copertura è gestita dalla famiglia del Burattinaio Ferlito. Fortebracci da che gli affari sono in difficoltà e si propone di aiutarli. Tonio però non ottiene la fiducia del boss italo americano Tom Di Maggio Eric Roberts e dei suoi uomini, che cercano di ucciderlo. Viene salvato da una bella donna, legata ai boss, in particolare a Ferlito. Tripolina viene avvisata del ritrovamento del cadavere della figlia, impiccata. Francesca De Santis raggiunge il luogo del ritrovamento e capisce che la ragazza non si è impiccata. Tripolina reagisce in maniera tragica alla morte della figlia che adorava. Mancuso chiede spiegazioni a Fortunato sulla morte di Venere: Di Venanzio è costretto a dire la verità, ha violentato e ucciso Venere, la figlioccia di Mancuso, ma a  compiere gli atti osceni cerano anche i tre figli di Mancuso. Il grave delitto non ha così conseguenze perché Mancuso decide di nascondere la verità per lonore dei suoi figli. Dal momento che Saro Ferlito il Burattinaio garantisce per Tonio, Tom di Maggio decide di ascoltarlo. Tonio, perconquistare la fiducia dei boss, dice che la fidanzata di Billi Ferlito è una spia dellFBI, lui si arrabbia e sta per uccidere la sua ragazza, ma poi si ferma: era un trappola per testare la lealtà di Tonio. Fortebracci uccide davanti a Tom uno dei suoi uomini perché laveva venduto a un capitano di Polizia. Chiusa in casa, Carmela si rifiuta di mangiare. E il giorno dei funerali della giovane Venere e per loccasione esce dal carcere il maggiore dei suoi figli. Chiede alla madre chi lha uccisa ma Tripolina non lo dice. La sua sarà una vendetta personale. Anche gli assassini di Venere, Di Venenzio e i Mancuso, sono presenti alla cerimonia funebre e sfidano la De Santis. Alla fine del funerale la giudice si avvicina a Tripolina per rivelarle lesito dellautopsia, ma la donna è in trance. Di Venanzio si insospettisce e chiede a uno dei suoi di tenere docchio Tripolina. Negli Stati Uniti Tonio strige il patto di sangue, rituale mafioso del giuramento, entrando così a far parte della Cupola. La giudice De Santis va a casa di Tripolina e le rivela che i risultati dellautopsia dimostrano che Venere non si è impiccata, ma è stata uccisa dopo essere stata ripetutamente violentata da più persone. Francesca chiede a Tripolina di rivelarle i nomi degli assassini, ma la donna si rifiuta. Mancuso che aveva seguito la giudice, riferisce tutto a Di Venanzio, il quale ordina di dare un significativo avvertimento al magistrato. Gli uomini di Fortunato distruggono lauto della De Santis. Carmela continua a rifiutarsi di mangiare, ma dopo le minacce del fratello, decide di mangiare per il bene del piccolo. Fortunato dice a Carmela che tanto il bambino non nascerà. La ragazza è disperata. Continua alla pagina seguente.

La Procura decide di assegnare una scorta a Francesca De Santis. Intanto Ferdinando fa entrare un’ostetrica nella stanza di Carmela per farla abortire, ma Carmela minaccia tutti con il coltello e scappa. Arriva Mancuso, a cui Carmela chiede aiuto. Mancuso caccia l’ostetrica e dice a Di Venanzio di lasciare andare Carmela, di liberarsi di lei perché loro hanno bel altri problemi da affrontare. Mancuso avverte Fortunato che ha sbagliato a minacciare la giudice. Fortunato ordina a Carmela di sparire. Mancuso per tenersi buona la Tripolina le consegna i soldi del funerale di Venere da parte di tutti i mafiosi, la donna accetta e finge di essere grata a tutti. La donna gli chiede di far uscire dal carcere suo figlio. Mancuso le dice di mettersi l’anima in pace per la morte della figlia.  Tonio torna in Italia e riesce a incontrare Francesca, che sfugge alla scorta. La dinna gli dichiara il suo amore e lo avverte che Donelli sta per emettere un mandato di cattura contro di lui. Tonio le chiede della figlia Antonia e le dice di portarla da lei. In collegio, Antonia non segue le lezioni e non stringe amicizie. Tonio va a trovarla e la bambina è felicissima, vorrebbe stare con lui, ma Fortebracci le spiega che fuori dal collegio sarebbe in pericolo. Tonio, Antonia e Francesca vanno sulle tombe di Melina e Salvatore: Fortebracci promette alla figlia che un giorno tutto questo dolore finirà.  Tripolina decide di dare inizio al suo piano di vendetta e chiede l’aiuto di Giasone e Paride. Tonio torna a Mascaluce e ritrova Carmela, felice di rivederlo vivo. Tra i due riscoppia una bruciante passione… Carmela chiede a Tonio di andare via con lei e di dimenticare tutte le vendette, ma Tonio vuole prima “saldare i conti”. Giasone e Paride, i figli di Tripolina, tendono un agguato a Fortunato e lo sequestrano, come lui aveva fatto con Venere. Tripolina vuole sapere dal ragazzo chi soo stati gli altri che con lui hanno violentato Venere. Fortunato svela che con lui c’erano i figli di Mancuso. Tripolina taglia la testa a Fortunato con un’accetta. Saro Ferlito contatta Tonio. Il cadavere di Fortunato viene fatto trovare davanti alla chiesa del paese e lo vede Carmela, che si sente male… 

Trama terza puntata: Tornato in Sicilia, Tonio trova nell’azienda Liguorum, di proprietà del barone De Nisi, un’ottima base per avviare il traffico di droga verso gli Stati Uniti. Carmela, dopo aver rivissuto la passione con Fortebracci, vuole uccidere Tonio perchè è convinta sia stato lui a uccidere suo fratello Fortunato. Intanto Tripolina continua la sua vendetta iniziata per fare giustizia dopo la la morte della figlia.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori