LINEA GIALLA/ Mario Biondo: per la madre è stato vittima di un omicidio premeditato. Puntata 3 dicembre

- La Redazione

Ospite in studio a “Linea gialla” con Salvo Sottile la madre di Mario Biondo, trovato morto a Madrid, sostiene che il figlio sia stato vittima di un omicidio premeditato

linea-gialla
Salvo Sottile conduce "Linea Gialla"
Pubblicità

Nella puntata di martedì 3 dicembre di Linea Gialla, il programma di cronaca condotto su La7 da Salvo Sottile, sono stati esaminati alcuni dei casi di gialli ancora irrisolti. Si è parlato della morte misteriosa di Mario Biondo in Spagna, dell’omicidio di Yara Gambirasio, della strage di Erba e della scomparsa di Francesca Benetti.Passarono tre mesi dal giorno del decesso al ritrovamento della piccola Yara e questo ha avuto sicuramente degli effetti sulle indagini. Per tre anni questo giallo ha tenuto con il fiato sospeso tutti gli italiani e ancora oggi si va a caccia di quello che è stato definito Ignoto 1 sulla base dell’analisi del Dna. Il professor Vincenzo Mastronardi, criminologo, è stato invitato in studio e ha spiegato che in questo caso il problema è che chi sa non trova il coraggio di parlare, non mettendo in conto il fatto che vi sarebbe comunque la garanzia dell’anonimato. Grazia Longo, giornalista de “La Stampa” ritiene invece che la famiglia di Yara avrebbe dovuto aiutare di più, intervenendo e parlando maggiormente anche con la stampa. La realtà di Brembate non è facile infatti e sembra quasi che la gente pensi che ci sia una sorta di segreto da proteggere. Il genetista forense Giorgio Portera, da parte sua, ha garantito il fatto che a suo tempo ci fu un grande dispiegamento di forze per trovare Yara e un ulteriore intervento comunicativo da parte della famiglia non sarebbe servito a molto. In ogni caso, la mamma di Yara ha parlato ora per la prima volta del killer, dicendosi preoccupata che quell’uomo, chiunque esso sia, possa tornare a colpire. L’ipotesi più plausibile, comunque, è che possa trattarsi di uno degli operai che lavoravano in nero nel cantiere di Mapello, all’interno del quale Yara sembrerebbe essere passata, più o meno direttamente.

Pubblicità

La mamma di Mario Biondo, Santina, è convinta che suo figlio non sia morto per cause naturali ma sia stato ucciso. Fu la moglie Raquel a trovarlo nel suo appartamento. Si è parlato di un incidente ma la famiglia e gli amici più cari di Mario non se ne fanno una ragione. Mario non ha mai conosciuto la depressione, ha detto sua mamma, ed è sufficiente guardare le foto che restano di lui, in cui appare sempre sorridente, per rendersene conto. Anche con sua moglie Mario appariva molto felice e la mamma ha detto di non aver mai notato alcun segno di problemi tra i due. Raquel al momento sta prendendo le distanze dalla famiglia del marito ma i genitori di Mario sono sicuri di quello che stanno facendo, tant’è vero che la stessa procura di Palermo ha aperto un fascicolo sulla morte dell’uomo. Quel che è certo è che chi intervenne per primo avrebbe dovuto raccogliere tutta la documentazione necessaria, come se si fosse trattato di un caso di omicidio, invece così non è stato fatto e ora mancano dati che sarebbero stati fondamentali. L’errore fu quello di dare per scontato che Mario quella sera fosse solo in casa e che si fosse dunque suicidato. Le inviate di Linea Gialla, sono andate fino a Madrid alla ricerca di Raquel senza riuscirci. Tra l’altro lì non c’è nessuno che sia disposto a parlare, neanche la vicina di casa.

Pubblicità

Ieri sera per la prima volta a “Linea Gialla” ha parlato la mamma di Francesca Benetti, la donna scomparsa che si teme sia stata uccisa. “Chi sa qualcosa parli”, ha detto la mamma, vedova di 83 anni, ai microfoni di Linea Gialla. La signora Marisa vuole aggrapparsi a un’ultima speranza, che sua figlia cioè possa non essere stata uccisa e che possa invece essere ancora viva da qualche parte. Paolo Mele, l’avvocato della famiglia, ha raccontato di alcune minacce di cui Francesca si era lamentata con le persone care. Non lontano da Siena, Francesca dopo la morte del marito stava cercando di costruirsi una nuova vita. Ora l’unico indagato per la sua morte è il custode della sua villa, Antonio Bilella, il quale tuttavia continua imperterrito a negare di aver fatto del male a Francesca e dice che non sa cosa sia accaduto e che vide la signora il giorno della sua scomparsa e scambiò anche qualche battuta con lei. Secondo la criminologa Roberta Bruzzone gli elementi che hanno fatto scattare l’arresto sono piuttosto concreti. Per lo più ci sono le testimonianze del fatto che Francesca si lamentava per il comportamento dell’uomo. Fatima, amica di Francesca, lo ha confermato. Inoltre, ci si chiede, come si fa a escludere che l’uomo possa aver avuto dei complici?

Federico Perna, 34 anni è morto l’8 novembre a Napoli nel carcere di Poggioreale e sua madre Nina vuole sapere il perché dopo aver visto il figlio letteralmente massacrato che le chiedeva aiuto per come lo stavano trattando. Ci si chiede allora, perché non si sia fatto nulla per curare Federico, tossicodipendente e malato di epatite C e cirrosi epatica. Suo figlio, ha detto la donna, aveva dei lividi e secondo lei in carcere sarebbe stato ripetutamente picchiato. Il suo caso è stato dunque messo a confronto con quello di Stefano Cucchi, anche lui morto nel 2009 in carcere. stata sua sorella Ilaria a parlare ieri sera e a dirsi fortemente indignata per come è stato trattato suo fratello.

Per quanto riguarda la strage di Erba, l’esclusiva di ieri sera per Lineagialla è stata l’intervista ad Azouz Marzouk, marito e padre delle vittime, che direttamente dalla Tunisia fa sapere che secondo lui Olindo e Rosa sarebbero innocenti e non sarebbe dunque attendibile la testimonianza di suo suocero, Mario Frigerio. Intanto l’avvocato di Olindo e Rosa ha parlato di nuovi elementi che potrebbero portare a rivedere il tutto. E poi ci sono le intercettazioni che sono state fatte ai coniugi mentre erano in cella e che non possono non essere prese in considerazione.

L’appuntamento di oggi, martedì 3 dicembre 2013, con Linea Gialla vedrà di nuovo Salvo Sottile occuparsi del caso di Francesca Benetti, la donna scomparsa un mese da fa Follonica. Secondo sua madre, Marisa Chelini, che parlerà questa sera ai microfoni dela trasmissione di La7, non ci sono dubbi: è stata rapita e potrebbe quindi essere ancora viva. Naturalmente avremo anche un resoconto dello stesso delle indagini sul caso. Ricordiamo che la trasmissione si può seguire in diretta streaming cliccando qui.

Questa sera, martedì 3 dicembre, alle ore 21.10 su La 7 Salvo Sottile conduce una nuova puntata di Linea Gialla. Il settimanale di cronaca torna a occuparsi della morte di Mario Biondo, il cameraman palermitano sposato con la conduttrice spagnola Raquel Sanchez Silva e trovato morto nel loro appartamento di Madrid lo scorso 30 maggio. Saranno ospiti in studio i genitori della vittima e, in collegamento, il loro avvocato. Linea Gialla racconterà anche la sua indagine, iniziata la scorsa settimana, sulle tracce di Francesca Benetti, la 55enne di Cologno Monzese sparita nel nulla lunedì 4 novembre. Si parlerà anche della strage di Erba avvenuta l11 dicembre 2008 per la quale sono condannati in Cassazione i coniugi Olindo Romano e Angela Rosa Bazzi.

Come sempre anche il pubblico avrà una funzione attiva nella ricerca della verità :chiamando Linea Gialla al numero 02/87317 potrà fornire spunti interessanti, testimonianze inedite o interrogativi puntuali sui temi trattati durante la diretta. Linea Gialla è anche su Facebook facebook.com/lineagiallala7 e su Twitter(@lineagiallala7).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori