MISS ITALIA/ La prossima edizione nel 2014 con Alessia Marcuzzi?

- La Redazione

Lo storico concorso che dal ’39 elegge la più bella del nostro Paese è stato cancellato dalla Rai ma secondo alcune indiscrezioni potrebbe passare al Biscione il prossimo anno

alessia-marcuzzi
Alessia Marcuzzi (fonte: Facebook)
Pubblicità

Che la tv di Stato abbia deciso di non trasmettere più lo storico concorso di Miss Italia che dal 1939 incorona ogni anno la ragazza più bella del nostro Paese è ormai dato certo. Approdata sul piccolo schermo nel ’79, la gara per reginette in erba dal 1981 al 1987 venne trasmessa dall’allora neonato network nazionale Canale 5 e, a partire dal 1988, è stato mandato in onda in diretta su Rai 1, almeno fino alla scorsa edizione, che ha visto trionfare la siciliana Giusy Buscemi. Ma su pressione della Presidente della Camera Laura Boldrini, la Rai ha deciso di far saltare Miss Italia che quest’anno non avrà la sua 74esima vincitrice… Ma non per questo, il concorso è destinato a scomparire, dal momento che Mediaset sembra essere interessata ad accaparrarsi di nuovo l’esclusiva di Miss Italia e a mettersi in pista per trasmettere, nel 2014, un’edizione del programma tutta nuova, secondo quanto fa sapere Novella 2000 che fa racconta ulteriori indiscrezioni. A detta del settimanale di gossip, infatti, la trattativa tra il Biscione e la patron Patrizia Mirigliani non solo sarebbe a buon punto, ma l’erede di Enzo avrebbe già chiesto di avere come conduttrice Alessia Marcuzzi, che potrebbe dare una svolta fresca al format della trasmissione che andrebbe in onda su Canale 5 nell’autunno del prossimo anno. Con buona pace della Boldirini che non vedeva di buon occhio le candidate alla corona “nude e mute”. A lei le ragazze trentine candidate alle selezioni di Miss Italia hanno risposto con un’eloquente lettera esplicitando che il concorso di bellezza non è come gli altri, dal momento ha fatto parte per più di settant’anni della storia e del costume dell’Italia ma mira ad innalzare l’immagine della donna italiana e non certo a screditarla”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori