SENZA ARTE N PARTE/ Il film con Battiston e Salemme alle prese con un impacciato traffico d’arte

- La Redazione

Oggi, sabato 10 agosto 2013, a partire dalle 21.10, Rai Uno manderà in onda in prima tv Senza arte né parte, un film diretto nel 2011 da Giovanni Albanese, con un cast di ottimo livello

senza_arte_ne_parte
I protagonisti del film, Salemme e Battiston
Pubblicità

Oggi, sabato 10 agosto 2013, a partire dalle 21.10, Rai Uno manderà in onda in prima tv Senza arte né parte, un film diretto nel 2011 da Giovanni Albanese, con un cast di ottimo livello, nel quale spiccano Giuseppe Battiston, Vincenzo Salemme, Paolo Sassanelli e Hassani Shapi. La trama del film, che dura unora e mezzo, è ambientata ai giorni nostri, in Puglia, dove Alfonso Tammaro (Paolo Sassanelli), un noto industriale della pasta, decide di cambiare la sua azienda artigianale trasformandola in unimpresa a carattere altamente tecnologico. Dopo essere stati licenziati, gli operai Enzo Gesumunno (Vincenzo Salemme), Carmine Bandiera (Giuseppe Battiston) e Bandula (Hassani Shapi), vengono richiamati in qualità di custodi. Mansione nella quale scoprono che il loro datore di lavoro si dedica anche al collezionismo delle opere d’arte di un artista contemporaneo noto per la sua bizzarria. Considerato il suo largo successo, i tre decidono di sfruttare il favore dei compratori e di riprodurre le opere, intascando pingui proventi.

Quando la loro nuova carriera sembra ormai decollata, arriva però il definitivo fallimento di Tammaro, che costringe alla vendita all’incanto di tutte le opere, con la conseguente perdita del loro valore. E’ anche la fine della loro nuova attività, tanto che i proventi abbastanza miseri accumulati sino a quel momento vengono donati all’operaio indiano Bandula al fine di permetterne il ricongiungimento coi familiari rimasti a casa.

Pubblicità

La pellicola di Albanese, ha avuto buone recensioni e importanti riconoscimenti tra i quali vanno ricordate le due candidature ai Nastri d’argento, quelle per la miglior commedia e per il migliore attore non protagonista, riservata a Giuseppe Battiston (già interprete di film di successo quali Pane e Tulipani, La belva nel cuore, Uno su due, Chiedimi se sono felice e molti altri).

Pubblicità

Nella battaglia per la conquista dell’audience, il film andrà a scontrarsi con la concorrenza di altri film. Su Rai Due, infatti, nell’ambito del ciclo Nel segno del giallo, andrà in onda dalle 21.05 Nella rete dell’inganno, film canadese del 2011, diretto da Philippe Gagnon, con Jodi Lyn O’Keefe, nella parte di una giovane insegnante la quale viene a ritrovarsi all’improvviso vittima della persecuzione di un serial killer. Su Rai Tre, va in onda dalle 21.05 uno spaghetti western, California, interpretato da Giuliano Gemma, Chris Avram e William Berger. Si tratta di uno dei tanti film che negli anni ’60 segnarono la fortuna della via italiana al western, con un Giuliano Gemma in grande forma.

Per quanto riguarda la programmazione Mediaset, Canale 5 manderà in onda Il principe cerca moglie, dalle 21.10, con Eddie Murphy nella parte dell’erede al trono di un paese africano, il cui padre ha già combinato il matrimonio. Ma il ragazzo è deciso a trovare una ragazza che lo ami per quello che è e non per la sua posizione sociale. Rete 4 si affida invece al telefilm The Mentalist, dalle 21.10 in poi, imperniato sulle inchieste di Patrick Jane (Simon Baker), consulente presso il California Bureau of Investigation, capace di risolvere casi complicati partendo da dettagli solo all’apparenza insignificanti. Completa la programmazione Italia 1, la quale propone, sempre a partire dalle 21.10, una pellicola adatta al pubblico più giovane, 17 Again – Ritorno al liceo. La presenza di Zac Efron nel cast fungerà sicuramente da richiamo per i tanti fans dell’attore. Infine, La7, che si affida alla divulgazione con Atlantide, dalle 21.10 in poi. La trasmissione che indaga sui tanti misteri del nostro pianeta, vede il ritorno alla conduzione della giornalista Greta Mauro, che va ad affiancare Mario Tozzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori