MISURE STRAORDINARIE/ Il film in cui un padre lotta per salvare i figli da una malattia rara

- La Redazione

Misure straordinarie è un film diretto da Tom Vaughan e interpretato da Harrison Ford, Brendan Fraser e Keri Russell. Il film è ispirato alla storia vera di John Crowley

Misure_straordinarie
Una scena di "Misure straordinarie"

Questa sera, sabato 14 settembre, va in onda su Rai Uno in prima tv il film Misure straordinarie (titolo originale: Extraordinary Measures). una pellicola molto toccante nella quale lamore di un padre per i propri figli si scontra con gli interessi economici delle multinazionali del campo farmaceutico assolutamente non disposte a cedere il proprio potere. Tra l’altro è tratto da una storia effettivamente accaduta negli Usa. Il film è uscito nella sale cinematografiche italiane nel corso del 2010, ha una durata di circa 1 ora e 45 minuti, è stato prodotto dalla Sony Picture per la regia di Tom Vaughn. Ecco la trama di Misure Straordinarie. John Crowley (Brendan Fraser) è un uomo di origini piuttosto umili ma che, grazie a una grande determinazione e la voglia di imporsi nella vita, riesce a gettare le basi per avere una esistenza soddisfacente e soprattutto felice. John conosce lamore della propria vita, Aileen (Keri Russell), una donna bellissima e molto comprensiva che diventerà sua moglie. La loro unione è molto solida e basata su un sincero sentimento di amore e passione. Il loro matrimonio va a gonfie e vele, la sintonia è totale e a rallegrare il tutto arrivano due bellissimi bambini di nome Megan (Meredith Droeger) e Patrick (Diego Velazquez), che sembrano essere la classica benedizione di Dio per il loro amore sincero e per la loro esistenza condotta nel pieno rispetto degli altri. John riesce anche ad avere un certo successo nel campo lavorativo, facendo una carriera di tutto rispetto allinterno di una grande società americana. Purtroppo, tutto cambia irrimediabilmente nel giro di pochissime ore.

Megan e Patrick un brutto giorno accusano degli strani dolori che gli creano delle disfunzioni. I genitori, preoccupati della cosa ma convinti che si possa trattare di una delle più classiche influenze, prendono i bambini e si recano presso un centro diagnostico per valutare cosa stia accadendo loro. La diagnosi è purtroppo tremendamente grave. Patrick e Megan hanno contratto una rarissima malattia per la quale le cure sono ancora in una fase sperimentale e quindi non riconosciute dal Governo che di fatto le vieta. Questo significa che stando così le cose, la malattia dei due ragazzi risulta essere incurabile e dunque hanno il destino segnato. John, assolutamente pronto a qualsiasi cosa pur di salvare i propri figli, cerca qualche una soluzione e si imbatte in un ricercatore, il dottor Robert Stonehill (Harrison Ford), che anche se non preso in debita considerazione dai principali centri di ricerca americani, sembra avere scoperto delle tecniche di cura assolutamente rivoluzionarie e che fanno anche al caso della malattia di Patrick e Megan. 

John non avendo che questa come ultima speranza, investe tutti i propri averi per creare in tempi strettissimi un’azienda bio-tecnologica che ha proprio come scopo quello di ricercare e sperimentare nuove forme di cura in generale e nel caso specifico per la malattia che affligge i due bambini. Tuttavia, la loro avventura non sarà semplicissima anche se il dottor Stonehill è spinto da una grande passione verso questa tipologia di attività e dal desiderio di salvare quante più vite umane possibili, e John spinto da quello che è diventato il suo unico scopo di salvare la vita ai propri figli. Gli ostacoli lungo il cammino dei due vengono frapposti dalle principali case farmaceutiche che potrebbero perdere ingenti volumi di vendite qualora la cura dovesse dare i risultati sperati e dello stesso Stato, che presenta delle leggi poco flessibili che non consentono di velocizzare l’excursus. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori