ADAM KADMON – RIVELAZIONI/ Diretta, cocaina ed ecstasy: sono così diverse? (ultima puntata 7 dicembre 2014)

- La Redazione

Adam Kadmon – Rivelazioni, anticipazioni ultima puntata oggi 7 dicembre 2014: non si sa ancora con precisione di che cosa parlerà oggi Adam, ma certamente si occuperà di logge massoniche

Kadmon_AdamR439
Adam Kadmon

Adam Kadmon rivelazioni si addentra nel mondo della droga. Si aprte con un servizio sulla lotta alla cocaina in Perù, per poi concentrarsi sull’ecstasy, e in particolare sulle abitudini dei consumatori seriali. In particolare ad Amsterdam reperire e usare questa droga è facile, ma basta assicurarsi di assumere MDMA per essere al sicuro da effetti indesiderati? No, perchè quella che in origine era considerata in psichiatria addirittura un farmaco miracoloso oggi è considerata una vera insidia per i giovani, che non sanno a che rischi si espongono ballando per ore sotto l’effetto di una sostanza che inibisce la termoregolazione corporea.

Adam Kadmon – dopo una digressione davvero poco complottista sui cartoni animati, in cui di tutto si è parlato tra pansessualismo, androginia, attacchi degli illuminati alle identità sessuali, tranne che della famiglia – ci porta nel mondo delle curiosità scientifiche. Sappiamo cosa mangiamo? Sappiamo che le carote in origine erano viola, che la noce moscata è afrodisiaca, allucinogena e tossica? O che in Giappone ci sono gelati al gusto di carne di cavallo o calamaro? No, questo non lo sapevamo… Troppo poco in stile Adam Kadmon questo servizio? Allora godiamoci quello su Aldous Huxley. Qui si parla di nuovo ordine mondiale, qualcosa che ispirò 1984 di George Horwell. Decisamente più in stile Adam Kadmon Rivelazioni

Adam Kadmon rivelazioni ci catapulta nel mezzo dell’incubo di un olocausto nucleare. Ma strisciante, ad opera dei terroristi islamici. E se costruire una bomba “da valigetta” non è facile (per arricchire l’uranio necessario ci vogliono qualcosa come 30mila centrifughe per arricchire l’uranio), la dissoluzione dell’Unione Sovietica potrebbe aver messo nelle mani di terroristi suicidi alcuni di questi terribili ordigni. Le conseguenze di una esplosione? Si potrebbe radere al suolo Pentagono e Casa Bianca contemporaneamente, oppure mettere in ginocchio l’economia mondiale distruggendo di fatto l’ordine mondiale così come lo conosciamo.

Adam Kadmon comincia l’ultimo show delle verità nascoste in modo scoppiettante. Cosa c’entra il giuramento della ‘ndrangheta con i cartoni animati? E i cartoni animati Manga (sì, i vecchi Holly e Benji, non quelli inquietanti di oggi) hanno un lato oscuro? Ma soprattutto: qualcuno ha ucciso John Belushi? Dopo il racconto di una vita di eccessi, che termina con una overdose di speed-ball, c’è spazio per un complotto? Cosa c’entra la stanza dell’hotel dove Belushi morì con le morti legate a Gioventù Bruciata, il film maledetto la cui sceneggiatura fu scritta proprio in quella stanza? Rivelacelo Adam Kadmon! 

E tutto pronto per lultima puntata di Adam Kadmon Rivelazioni, in programma questa sera, domenica 7 dicembre 2014, alle 21.10 su Italia Uno. Non sono ancora chiari tutti gli argomenti che il misterioso uomo mascherato proporrà in questo appuntamento conclusivo, ma certamente si tornerà a parlare di logge massoniche: lo si capisce dal video diffuso proprio oggi sul canale YouTube di Adam Kadmon, in cui viene intervistato il filosofo Claudio Bonvecchio, da circa un anno Grande Oratore del Grande Oriente d’Italia, la principale loggia massonica italiana. Il dibattito verte in particolare sul tema dellobbedienza che, spiega proprio Bonvecchio, è semplicemente ai principi, non alle persone. Se infatti in una loggia un fratello non è daccordo con quanto sostenuto da un altro, il maestro venerabile li fa alzare tutti e due e li chiama allobbedienza al principio della libera muratoria, secondo il quale in una fratellanza ciascuno può esprimere ciò che pensa senza denigrare laltro. Lobbedienza significa quindi essere fedele ai principi ed evidentemente a coloro che sono preposti a portarli avanti. Non si tratta però di obbedienza individuale, quindi non si tratta di ordini ma di consigli o persuasione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori