LE INVASIONI BARBARICHE/ Chi è Fabio De Luigi, protagonista del film di Veronesi Una donna per amica

- La Redazione

L’attore comico Fabio De Luigi sarà uno degli ospiti che questa sera di siederà alla scrivania di Daria Bignardi nel corso della puntata de Le invasioni barbariche

fabio-de-luigi
Fabio De Luigi

Tra gli ospiti che questa sera parteciperanno a Le invasioni barbariche, programma condotto da Daria Bignardi, ci sarà anche l’attore comico di cinema e teatro Fabio De Luigi. De Luigi nasce a Santarcangelo di Romagna nel 1967. Da bambino una delle sue passioni è il baseball, che nel corso degli anni praticherà come sport principale arrivando anche a livello agonistico; ha infatti partecipato al campionato di A1 con la squadra del Rimini Baseball. La sua avventura nel mondo televisivo ha inizio alla fine degli anni ’90, quando partecipa, nel 1998, alla trasmissione Facciamo Cabaret. Negli anni a seguire sarà uno dei punti fermi nell’interpretazione di vari personaggi all’interno di Mai Dire Gol, la storica trasmissione della Gialappas Band. Da Mediomen a Olmo, la simpatia di De Luigi cattura il pubblico e la sua presenza viene confermata anche nell’edizione di Mai Dire Grande Fratello, dove affianca mago Forest e Paola Cortellessi in una conduzione all’insegna della comicità, presentando diversi personaggi tra cui ricordiamo, tra i tanti, il modello Fabius e l’Ingegnere Cane.

Dopo parecchi anni all’interno del programma comico, nel 2005 Fabio si cimenta in una sitcom dal titolo Love Bugs, dove affiancato da Michelle Hunziker nella prima serie, il comico assume i panni del marito di una coppia di sposini evidenziando ironicamente e comicamente i compromessi quotidiani del rapporto di coppia. La sitcom riscuoterà un buon successo e l’anno successivo verrà mandata in onda la seconda serie, dove a De Luigi verrà affiancata Elisabetta Canalis. Nello stesso periodo, è impegnato sul grande schermo; infatti già nel 2004 è protagonista del film Ogni volta che te ne vai, per la regia di Davide Cocchi. Un anno più tardi affianca Claudio Bisio, Paolo Ruffini e Francesco Mandelli nelle comiche scene di Natale a New York ed è presente in una piccola parte di Commediasexi. Nel 2007 e nel 2008 viene riconfermato per recitare nei Cinepanettoni, Natale in crociera e Natale a Rio, contemporaneamente arriva l’esperienza de Le Iene, al fianco di Ilary Blasi. Nello stesso anno è impegnato nel cast del film Gli amici del bar Margherita, in cui interpreta i panni di un antennista con il sogno di diventare cantante e approdare a Sanremo.

Lanno a seguire è il protagonista del film di Gabriele Salvatores, Happy Family, dove assume i panni di Ezio un regista sceneggiatore che si trova in contrasto con il suo lavoro. Sempre in quell’anno fa parte anche del cast di Maschi contro Femmine, film di Fausto Brizzi. Con La Peggior Settimana del mia Vita, Fabio allarga il suo campo di azione collaborando alla creazione del soggetto e della sceneggiatura, in questo film è affiancato da Cristiana Capotondi nei panni della futura sposa. Arriva anche la recitazione insieme a Claudia Gerini nel film Com’è bello far l’amore, dove interpreta i panni del marito di una coppia in crisi di sesso. Nel 2013 è protagonista in coppia con Luciana Littizzetto nel film Aspirante Vedovo. in questi giorni al cinema ne Una donna per amica con Laetitia Casta (nuovo film di Giovanni Veronesi), dove interpreterà l’uomo che si innamora della sua amica poco prima che quest’ultima si sposi.

Oltre al cinema e al piccolo schermo, Fabio ha svolto parecchi ruoli anche in teatro e il suo debutto sul palcoscenico risale al 1991 quando recitò in “Un titolo comico”, l’ultima interpretazione risale al 2006 nella rappresentazione teatrale di “Il bar sotto il mare”. Anche nel mondo degli spot Fabio De Luigi assume un ruolo, infatti da parecchi anni è il testimonial della campagna pubblicitaria di Dash. Uomo che fa dell’ironia il suo forte, ultimamente ha lasciato dei commenti sulla situazione politica italiana e riferendosi agli ultimi episodi, tramite twitter ha dichiarato “Se Letta fosse una giraffa, Renzi sarebbe uno zoo in Danimarca”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori