UN SEGRETO TRA DI NOI/ Il film di Dennis Lee con Willem Dafoe e Julia Roberts

- La Redazione

Va in onda oggi su La5 “Un segreto tra di noi” (titolo originale Fireflies in the garden), film drammatico diretto da David Lee nel 2008 basato su un poema di Robert Frost.

roberts_segreto_r439
Una scena del film (InfoPhoto)
Pubblicità

Va in onda questa sera su La5 “Un segreto tra di noi” (titolo originale “Fireflies in the garden”), film drammatico diretto da David Lee nel 2008 tratto da un poema di Robert Frost. L’opera è stata presentata al Festival di Berlino del 2008 e ha una durata di quasi 100 minuti, nel corso dei quali viene rappresentato un microcosmo familiare la cui tranquillità è stata all’improvviso interrotta da una tragedia del tutto inaspettata. La narrazione vede al centro Michael Taylor (interpretato da Ryan Reynolds), uno scrittore il quale ha deciso di seguire le orme paterne dedicandosi alla narrazione. Una sorta di rivincita su un padre sempre duro ed egocentrico, Charles (Willem Dafoe), il quale non gli ha mai dimostrato amore o stima e con il quale i rapporti sono sempre stati molto tesi. La sua ultima creazione letteraria, Fireflies in the garden, rappresenta una sorta di rivincita nei confronti del genitore: tratta infatti della storia della famiglia e potrebbe trasformarsi in una sorta di vendetta, sia dal punto di vista umano che professionale. La sua eventuale pubblicazione, però, sulla quale deve ancora decidere, potrebbe portare ad una rottura all’interno del nucleo familiare che si appresta a festeggiare il conseguimento del diploma da parte della madre Lisa (Julia Roberts), una donna dotata di grande forza d’animo che è riuscita a rimanere al fianco del marito, nonostante il suo autoritarismo, grazie ad una estrema forza d’animo mai venuta meno. Quando però i genitori si apprestano a tornare a casa per partecipare ai festeggiamenti, la loro macchina incappa in un drammatico incidente nel corso del quale la donna trova la morte sul colpo. Proprio a Michael, alla zia Jane (Emily Watson) e alla sorella, spetta quindi il compito di provare a rimettere ordine in un quadro familiare andato a pezzi e caratterizzato da un passato pesante che nessuno è ancora riuscito a mettersi alla spalle. Si tratta di una vicenda parzialmente autobiografica, alla quale David Lee ha affidato il suo esordio in un lungometraggio. Famoso nell’ambiente soprattutto per i suoi corti, coi quali ha raccolto numerosi premi, tra i quali un Oscar riservato agli studenti di cinema, Lee ha dato vita ad una produzione indipendente molto impegnativa, caratterizzata da un cast fuori dalla norma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori