SEGRETI E DELITTI / Riassunto puntata 18 luglio 2014: il caso di Elena Ceste, la morte di Grace Kelly e Yara Gambirasio.

- La Redazione

Il riassunto della puntata di ieri,18 luglio 2014, del programma di giornalismo investigativo in onda su Canale 5 e condotto da Gianluigi Nuzzi insieme ad Alessandra Viero: Segreti e delitti

segreti_delitti_r439
I conduttori di Segreti e delitti

Nella puntata di venerdì 18 luglio 2014 della trasmissione Segreti e delitti, condotta da Gianluigi Nuzzo e Alessandra Viero su Canale 5, si parte incominciando a parlare del delitto di Yara Gambirasio. La domanda a cui si cerca di rispondere in studio con laiuto di tanti ospiti e che gli stessi inquirenti stanno cercando di trovare una risposta definitiva è se Massimo Giuseppe Bossetti, unico imputato nellambito delle indagini, conoscesse Yara prima del giorno in cui è stata poi uccisa. Inoltre, durante la trasmissione, viene mostrato un video in cui si pensa sia presente lo stesso Bossetti: questo video lo identificherebbe su uno dei luoghi del delitto. Si cambia poi argomento passando alla scomparsa di Elena Ceste della quale non si hanno più notizie da oltre sei mesi. Le indagini degli inquirenti sono indirizzate a capire se la vita della donna fosse per lei soddisfacente, e questo lo stanno cercando di apprendere dallanalisi di alcuni filmati di famiglia, anche per verificare il contenuto dellormai famosa lettera nella quale si parla di insoddisfazione della donna che voleva realizzarsi nella propria vita trovandosi un lavoro. Sono tutte ipotesi che devono essere ancora verificate. Intanto, dovrebbero essere pronti per la prossima settimane i risultati delle analisi che i RIS stanno effettuando sugli abiti di Elena Ceste che sono stati ritrovati nel giardino di casa dal marito Michele. Il successivo caso che viene dibattuto in studio è quello relativo alla misteriosa morte di Grace Kelly. Morte che è avvenuta il 13 settembre del 1982. La principessa Grace Kelly si trovava a bordo della sua auto insieme alla figlia allora di diciassette anni, Stephanie. Le due donne stanno percorrendo la strada nelle vicinanze di Montecarlo quando ad un certo punto lauto sbanda per un tragico incidente che vedrà la principessa morire il giorno seguente in ospedale mentre per la giovane figlia le conseguenze sono molto meno serie. Ci sono stati e tuttora lo sono, molti misteri a questo incidente a partire da chi fosse alla guida dellauto con qualcuno che ipotizza che fosse la piccola Stephanie che non essendo esperta e soprattutto non avendo la patente, avrebbe potuto commettere un errore. Tesi questultima che è stata più volte smentita dalla diretta interessata e dalla casa reale di Monaco. La stessa Stephanie, che però ha sempre parlato del fatto che limpianto frenante dellauto non fosse funzionante, cosa che peraltro trova conferma nella testimonianza dellautista del camion che seguiva lauto di Grace Kelly in quel momento e dal sopralluogo della polizia nel quale si evince come non siano state trovate tracce di frenate. A questo punto, ammesso che limpianto frenante fosse guasto, dallo studio nasce il dubbio di come qualcuno abbia potuto manometterlo cospirando alle spalle della bellissima principessa ed indimenticata star di prima grandezza del cinema. Si passa a parlare dellomicidio di Sarah Scazzi, con il focus che viene posto sulle lettere che Sabrina Misseri ormai da ben quattro anni in carcere per essere stata indicata come laguzzina di Sarah, ha inviato a sua sorella Valentina. Nella lettera si evidenzia come Sabrina non riesce più a sopportare il peso di venir considerata unassassina e di come non vede, dopo quattro anni di carcere , ormai nessuna speranza di ottenere giustizia per un crimine che non ha commesso. Valentina rilascia quindi una lunga intervista alla trasmissione a cui si è rivolta perché dice di non sapere come fare per aiutare la sorella rimarcando come ormai in ragione delle tante trasmissioni che si sono fatte su quanto accaduto, si è creata una certa immagine negativa di Sabrina. Valentina si schiera in buona sostanza al fianco della sorella rimarcando come stiano ancora al primo grado di giudizio nel processo quindi non cè una sentenza definitiva e quindi accusa il padre di essere stato lui ad uccidere Sarah. Lei crede che questa cosa sia possibile, e che sia possibile anche che accusi una figlia innocente, sottolineando come ogni tanto si sentono vicende in cui i padri uccidono i propri figli. Valentina, infine, crede che la sentenza di primo grado sia stata data sullonda di quello che è lopinione pubblica costruita su quello che si sente nelle trasmissioni in tv. Inoltre, Valentina sottolinea un fatto che a suo dire escluderebbe la possibilità che sia stata Sabrina. ossia il messaggio ricevuto da Sarah sull’andare al mare. In base all’orario di questultimo, si dovrebbe escludere che a casa potesse trovare la stessa Sabrina ma soltanto suo padre Michele per il quale, aggiunge Valentina, riprendendo le parole della sorella, non ci sarà perdono per quello che ha fatto. La trasmissione si chiude tornando sul caso di Yara Gambirasio con gli ospiti in studio che sono abbastanza concordi al risultato che sono arrivati gli inquirenti dopo aver valutato diversi documenti e filmati, ossia che lassassino non si sia avvalso di alcun complice.  

E tutto pronto per lultima puntata di “Segreti e Delitti”, il programma di giornalismo investigativo in onda su Canale 5 in prima serata e condotto da Gianluigi Nuzzi insieme ad Alessandra Viero. Nel conclusivo appuntamento si tornerà a parlare del caso riguardante lomicidio di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate Sopra rapita e uccisa la sera del 26 novembre 2010. Da oltre un mese è in carcere il presunto assassino, Massimo Giuseppe Bossetti, e la trasmissione Mediaset analizzerà gli ultimi aggiornamenti sulla vicenda. Un teste rimasto anonimo, infatti, nei giorni scorsi sembrava aver confermato la versione di Bossetti secondo cui la morte di Yara sarebbe legata a motivi di vendetta maturati nell’ambiente di lavoro del padre, Fulvio Gambirasio. Nelle scorse ore, però, la pm Letizia Ruggeri ha fatto sapere che “ad oggi nessuno ha dato indicazioni utili alle indagini, nemmeno ora che cè stato un fermo. E quelle che ci sono arrivate, anche in buona fede, sono per lo più prive di riscontri”. Nel corso di questa puntata di “Segreti e delitti” si tornerà poi indietro nel tempo fino al 13 settembre 1982 quando Grace Kelly, principessa del principato di Monaco, rimase vittima di un incidente stradale. Cosa accadde davvero quella sera? Infine si tornerà ai giorni nostri, precisamente a Roma, per scoprire tutti i dettagli e i misteri che si nascondono dietro lo scandalo delle cosiddette baby squillo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori