Superquark, puntata 7 agosto 2014: il pianeta dei primati e Fontainebleau

- La Redazione

Stasera in tv su Rai 1 va in onda una nuova puntata di Superquark. Con le anticipazioni vediamo di che cosa si occuperà la tramissione di Piero Angela questa settimana

infophoto_piero_angela_superquark_R439
Piero Angela - Infophoto

La puntata di Superquark di giovedì 7 agosto si apre con il documentario naturalistico Il Pianeta dei Primati, di Gilles Badger. Partendo dalla giungla del Borneo, il documentario racconta le capacità di adattamento degli oranghi che qui vivono liberi a stretto contatto con luomo, da cui hanno cominciato a copiare molti atteggiamenti. Luomo e le scimmie condividono molti comportamenti: intelligenza, visione binoculare e le mani con pollice prensile sono le tre caratteristiche che abbiamo in comune e che ci permettono di essere così simili. I macachi giapponesi sono le scimmie che vivono più a nord, a temperature che arrivano fino a -20C. Per sopportare queste temperature, i macachi hanno due strati di pelliccia che intrappolano laria calda vicino alla pelle. Di notte, si arrampicano sugli alberi una dopo laltra e formano file ben compatte che permettono loro di scaldarsi occupando a turno durante la notte il centro del gruppo. I mandrilli vivono nelle foreste del Gabon, in Africa occidentale. Nella stagione degli amori i maschi, tra le scimmie più grandi della terra, si scontrano seguendo un rituale ben preciso. Al vincitore, grazie allaumento del testosterone, sintensificano i colori del muso, elemento di grande attrattiva per le femmine che cadranno ai suoi piedi e saranno tutte per lui per ben due mesi. Il documentario, poi, termina raccontando dei bonobo, che vivono in Congo: sono tra i primati più pacifici e premurosi e formano delle famiglie con legami molto forti simili a quelli delle famiglie umane.

Il primo filmato della puntata racconta di una spedizione particolare. Sulla cima dellEverest, a 5050 metri slm, si trova una delle 30 stazioni meteorologiche e climatologiche più importanti al mondo, intitolata al grande esploratore italiano Ardito Desio: la piramide fotovoltaica del CNR, uneccellenza italiana scientifica e tecnologica. Gli strumenti di questa stazione misurano le nubi brune, le polveri sottili che arrivano fin qui dai centri industriali lontani migliaia di chilometri e che facilitano lo scioglimento dei ghiacciai. La strumentazione, però, ha bisogno dellenergia che viene prodotta dai pannelli solari e accumulata in batterie. Ogni dieci anno pannelli e batterie vanno cambiati. Sono gli sherpa a trasportare i ricambi. Il filmato segue la straordinaria spedizione.

Il secondo servizio, a cura di Alberto Angela, racconta di Fontainebleau, un gioiello del rinascimento italiano a 60 chilometri da Parigi. Fu Francesco I, grande mecenate, a trasformare questantica residenza di caccia in un castello, attirandovi i più grandi artisti italiani. Vi lavorarono Benvenuto Cellini e i più grandi manieristi italiani, tra cui Rosso Fiorentino. La presenza italiana simpose per tutto il 500 su Fontainebleau sia nellarte che nella politica, con larrivo di Caterina de Medici. Enrico IV ampliò Fontainebleau, aggiungendovi i bellissimi giardini, con uno straordinario canale lungo più di un chilometro. Questo canale fu realizzato da un ingegnere italiano, il fiorentino Francini, i cui figli avrebbero realizzato più tardi il canale e i giochi dacqua di Versailles. Più tardi, con la nascita di questultima residenza, Fontainebleau cadde nelloblio fino allarrivo di Napoleone che lamò e vi lasciò le tracce maestose della sua vita. Oggi Fontainebleau è uno splendido museo nazionale che attira 300.000 visitatori lanno.

Il terzo servizio della serata, di Rossella Li Vigni, è dedicato alle onde durto. Grazie al loro potere disgregante, sin dallinizio degli anni 90 sono state applicate in urologia. Più di recente, però, è stato scoperto anche il loro potere rigenerante sui tessuti ossei e molli. Nel centro medico Humanitas di Milano si portano avanti delle ricerche allavanguardia proprio in questo campo con ottimi risultati. Al termine del servizio, in studio il fisico Paco Lanciano spiega in modo semplice cosa sono le onde durto.

Il quarto servizio, di Marco Visalberghi, racconta come oggi sia possibile monitorare la criminalità a Milano con laiuto del computer. Il software permette di analizzare anche i dettagli che normalmente potrebbero passare inosservati, individuando i tratti caratterizzanti dellatto criminoso. Questo permette di prevedere quali potrebbero essere i futuri presunti obiettivi e di monitorarli. Dal 2009, luso di questo software ha permesso di far salire la percentuale di rapine sventate dal 26% al 74%. Dopo il servizio, il professor Barbero racconta dei recenti studi sui sogni, che hanno evidenziato come sin dallantichità, i sogni delluomo siano rimasti quasi sempre gli stessi. Il quinto servizio è dedicato allaumento dellobesità infantile in tutto il mondo. Gli ultimi studi hanno evidenziato la differenza tra grasso bianco e grasso bruno e hanno dimostrato la possibilità, attraverso lesposizione a basse temperature e lesercizio fisico, di convertire il grasso bianco in grasso bruno, meno pericoloso. Gli studiosi hanno recentemente scoperto una molecola, lirisina, che potrebbe da sola avviare questa conversione favorendo il dimagrimento. Il cartone animato della serata spiega il concetto di retroazione.

Lultimo servizio della serata, di Giovanni Carrada e Giulia de Francovich, racconta dello studio della FAO in base al quale lallevamento prosciuga energia, risorse idriche e terre che potrebbero essere utilizzate meglio per sfamare tutta la popolazione mondiale. Tra le proposte di cambiamento che ognuno potrebbe mettere in atto, ci sono lazzeramento o riduzione del consumo di carne, la rinuncia alluso di biodisel e la riduzione degli sprechi alimentari.

Sarà visibile anche in diretta streaming la puntata di Superquark, che va in onda in prima serata su Rai Uno. Protagoniste di questa sesta puntata sono le scimmie: un viaggio allinterno del loro cervello per scoprirne le qualità. Segue un servizio di Rossella Li Vigni sulluso delle onde durto in medicina con gli esperimenti in studio. Alberto Angela sarà a Fontainebleau per mostrare una residenza di caccia dei sovrani francesi, che si trova nel cuore della Francia. Dalla Francia a Milano. Il servizio di Marco Visalberghi ci svelerà i trucchi del mestiere del computer poliziotto. Si parlerà poi di disoccupazione e di imprese che non riescono a trovare personale. Infine un servizio di Giovanni Carrada e Giulia De Francovich, che sono andati alla Fao per intervistare gli esperti. Clicca qui per vedere la puntata di Superqaurk in streaming

Questa sera su Rai 1 andrà in onda la sesta puntata di Superquark, il programma di approfondimento scientifico ideato e curato da Piero Angela. Se la scorsa settimana abbiamo assistito a uno spettacolare documentario sui Grizzly, questa settimana tocca alle scimmie antropomorfe. Infatti, grazie a delle immagini che aiuteranno tutti i telespettatori a stare al passo del discorso, si cercherà di capire quanto sia evoluta lintelligenza dei primati, che molto spesso sono in grado di usare la natura per costruirsi oggetti molto simili a quelli che usiamo anche noi nella nostra quotidianità, come per esempio un ombrello. Rossella Li Vigni, invece, ci proporrà uno sguardo approfondito sulluso delle onde durto come cura, quindi nel campo della medicina; e invece in studio si cercherà di capire come esse funzionino. In seguito, raggiungeremo virtualmente Alberto Angela, che per questa sesta puntata di Superquark si troverà a Fontainebleau, in Francia, in un alloggio di caccia che veniva utilizzato da tutti i sovrani francesi. In questo viaggio, avrà modo di mostrarci un preziosissimo scrigno risalente al Rinascimento conservato proprio nella residenza.

Poi, in un servizio di Marco Visalberghi, si affronterà la questione del computer poliziotto e si cercherà di capire come funziona questa nuova tecnologia che ha permesso, negli ultimi anni, di sventare una serie di rapine in Banche e Farmacie alla questura di Milano. Giovanni Carrada e Giulia De Franco interpelleranno gli esperti della FAO (Food and Agricolture Organization) per chiedere loro se si riuscire, tra un lustro, a dare da mangiare allintero pianeta, la cui popolazione è in continua crescita, preservando i paesaggi naturali. Oltre a tutto questo, si parlerà anche delle discrepanze tra lofferta e la domanda presenti oggi nel mondo del lavoro. Da non dimenticare, inoltre, le rubriche Polvere di Stelle, del professor Bignami, Dietro le quinte della Storia, a cura del professor Barbero e Scienza in Cucina, dove la Dott.ssa Bernardi quale dieta potrebbe essere la migliore per questestate 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori