VIRUS – IL CONTAGIO DELLE IDEE/ Vattimo: l’Isis? Anche Obana è un terrorista. Puntata 11 settembre 2014

- La Redazione

Anticipazioni Virus – Il contagio delle idee giovedì 11 settembre 2014: programma di attualità condotto da Nicola Porro. Ecco di che cosa si parlerà nella prima puntata, su Rai 1 alle 21.05.

Virus_Nicola-Porro
Virus - Il contagio delle idee

La puntata di giovedì 11 settembre 2014 della trasmissione di approfondimento giornalistico condotta da Nicola Porro, Virus-Il contagio delle idee in onda su Rai Due alle 21.10 , la prima della nuova stagione televisiva, è incentrata sugli attacchi terroristici che ci sono stati nel corso delle ultime settimane da parte dellIsis. In studio ci sono leditorialista del quotidiano Il Giornale, Magdi Cristiano Allam, Pierluigi Battista giornalista ed editorialista de Il Corriere della Sera, la giornalista americana Rula Jebreal che interviene in collegamento da New York, il filosofo Gianni Vattimo, Barbara Serra dellemittente araba di Al Jazeera e il filosofo nonché docente universitario Paolo Becchi in collegamento da Genova, molto vicino ideologicamente al Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo. La puntata inizia con unarticolata introduzione curata proprio da Nicola Porro che si chiede e chiede se ci sia in atto una sorta di guerra di religione evidenziando inoltre le differenze tra la cultura islamica e quella occidentale. Poi Porro sottolinea come il fondamentalismo islamico sia anche la malattia dellimmigrazione. Gianni Vattimo non ha alcun dubbio nel ritenere che ci sia in atto una guerra dicendosi completamente daccordo con le ultime affermazioni di Papa Francesco sottolineando come nellultimo periodo il numero di terroristi sia aumentato in maniera preoccupante per cui sarebbe buona cosa da parte dellOccidente fare in modo di aumentare i controlli e soprattutto combattere ciò. Vattimo rimarca come il motivo che spinge alla nascita di queste forme di terrorismo non sia dovuto al fatto che in occidente ci siano i cristiani ma per motivi molto più concreti rimarcando come se da un lato i terroristi sgozzano la gente loccidente ha armi molto più devastanti come ad esempio i droni. Da New York, la Jebreal sottolinea come il Governo degli Stati Uniti abbia chiesto agli alleati arabi e musulmani non di combattere una religione ma un movimento radicale come lISIS che è di puro terrorismo. Battista pensa che questa guerra abbia come obiettivo principale da parte dellISIS e di tutti quelli che lappoggiano, sia quello di mettere in atto unopera di purificazione eliminando tutti gli uomini che non sono della loro religione come i cristiani, gli ebrei e più in generale tutti gli infedeli. Viene quindi mandato un servizio realizzato in Italia, mostrando come nel nostro Paese sia davvero marcata la presenza di comunità Jihadiste. Vattimo dal proprio canto rimarca come lui abbia preoccupazioni per tutte le tipologie di fondamentalismi soprattutto quelli occidentali aggiungendo come nelle nostre città, citando lesempio di Torino nella quale lui vive, ci sia insicurezza non perché si possa pensare di essere aggrediti da un mussulmano bensì da una persona povera che vuole i soldi. Non sembra daccordo con quanto detto da Vattimo, Allam che sottolinea come la fonte di ispirazione degli appartenenti allIsis siano dei versi contenuti nel Corano per cui il problema è di religione e quindi lIslam. Jebreal parla invece di terrorismo e come ci sia lobbligo di doverlo combattere rimarcando come tanti musulmani abbiano preso le distanze da quanto messo in atto dallISIS. Si parla di una possibile giustificazione per queste azione terroristiche ossia quella della povertà delle zone dove si diffonde ma la cosa non convince tutti i presenti ed in particolare Battista che rimarca come ad esempio nelle favelas brasiliane nonostante lindigenza nella quale tantissime persone sono costrette a vivere, non ci sono tali fenomeni. Botte e risposta su questo argomento tra Battista e la Jebreal. Nella discussione vengono usati termini anche abbastanza forti soprattutto quando si inserisce nel discorso anche Vattimo. Porro quindi parla della posizione presa dal Movimento Cinque Stelle, reo di aver celebrato un kamikaze in Parlamento. Mentre Becchi sottolinea come sia difficile giudicare la vera portata dellISIS e di cosa effettivamente labbia fatta nascere, Vattimo rimarca che il capo di questa organizzazione sia stato immortalato in precedenza insieme al vice presidente degli Stati Uniti dAmerica. Battista dal proprio canto non ci trova niente di male nel trattare con il nemico mentre non è daccordo con le parole di Di Battista del Movimento Cinque Stelle che ha parlato della necessità di dialogare. Si arriva al classico appuntamento con il Fact Checking nel quale viene sconfessata la veridicità della frase di Di Battista che aveva sottolineato come il petrolio sia stata la causa della stragrande maggioranza delle morte avvenute nel corso del XX e del XXI secolo. Si ritorna alla discussione che si fa molto più articolata parlando delle strategie della Nato e dellacquisto degli F-35 da parte del Governo Italiano. In studio arriva un uomo che è stato ostaggio dei terroristi per quasi due mesi in Iraq, Salvatore Stefio, e quindi viene mandata in onda un servizio in cui viene intervistato il capo dei Servizi Segreti Italiani, Giampiero Massolo, dal quale emerge come per lItalia non ci sia il rischio di attentati terroristici. Quindi è la volta di un servizio che racconta le conversione di italiani allIslam. Tornati in studio Vattimo riprende la propria convinzione sottolineando come Obama crei tanto dolore nel mondo inviando i propri droni per cui può essere considerato a suo giudizio un terrorista. Si cambia argomento con la testimonianza di un poliziotto che nel corso delloperazione Mare Nostrum ha contratto la tubercolosi che viene sottolineato non essere contagiosa con il Ministro Pinotti che ha anche rilasciato delle dichiarazioni in tale senso. Si parla quindi del problema degli sbarchi degli immigranti e di tutto quello che questo può comportare per lItalia. Nel finale prima spazio a Vittorio Sgarbi che parla dei Bronzi di Riace e quindi lintervista allimprenditore Gianluca Vacchi che rimarca la propria fiducia nel Premier Renzi.

Sarà visibile anche in diretta streaming la prima puntata della nuova stagne di Virus il contagio delle idee, in onda in prima serata su Rai Due. Questa sera torna il talk show politico condotto da Nicola Porro con reportage, inchieste e il dibattito tra gli ospiti in studio. Clicca qui per vedere la puntata in streaming

Virus – Il contagio delle idee, il programma di attualità condotto da Nicola Porro, riprenderà il via oggi, giovedì 11 settembre su Rai 2 a partire dalle 21.05. Il tema centrale di questa prima puntata sarà probabilmente segnato dai conflitti che stanno sconvolgendo il mondo nellultimo periodo, e che stanno preoccupando anche Papa Francesco, che già vi si è riferito chiamandoli terza guerra mondiale. A discutere di questo, in studio insieme al conduttore, ci saranno Gianni Vattimo, filosofo, insieme a Barbare Serra, giornalista di Al Jazeera, Pierluigi Battista, del Corriere della Sera e anche Magdi Cristiano Allam, editorialiste presso Il Giornale. Infine, a contribuire al dibattito e ad arricchire di informazioni e notizie il pubblico a casa interverrà anche Rula Jebrael, in diretta da New York. Oltre agli ospiti, il programma presenterà anche vari servizi che riveleranno ai telespettatori come sia organizzato il panorama jihadista che è presente anche in Italia. Poi, si proseguirà parlando delle polemiche che hanno accompagnato il trasferimento dei famosi Bronzi di Riace a Milano, in occasione dellEXPO 2015. Non mancherà la consueta rubrica diretta da Sgarbi, dal titolo Il contagio geniale e neanche il Fact checking, con lo scopo di confrontare dati e dichiarazioni che appaiono in tv con quelli poi riportati sul web e viceversa: questo sarà possibile grazie allaiuto di Greta Mauro e dl blog meter Vincenzo Cosenza. Per finire, il programma avrà loccasione di intervistare il famoso Gianluca Vacchi, che ha conquistato la sua fortuna soprattutto grazie ai social network. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori