MILLENNIUM / Ultima puntata 2 settembre: intervista a Maurizio Lupi

- La Redazione

Martedì 2 settembre alle ore 21.05 su Rai Tre va in onda l’ultima puntata di Millennium, lapprofondimento estivo condotto da Marianna Aprile, Elisabetta Margonari e Mia Ceran

millennium-rai-tre
Millennium

Nella puntata di martedì 2 settembre 2014 della trasmissione di approfondimento Millennium condotta su Rai Tre da Mia Ceran, Marianna Aprile ed Elisabetta Margonari sono presenti in studio come ospiti di serata il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, il condirettore de Il fatto Quotidiano Marco Travaglio, Roberto DAgostino, Stefano Menichini del quotidiano LEuropa mentre la classica intervista iniziale vede come protagonista il Ministro di Trasporti e delle Infrastruttura Maurizio Lupi del Nuovo Centro Destra. Le prime parole di Maurizio Lupi sono per sottolineare le barbarie che stanno mettendo in atto i terroristi che fanno parte del cosiddetto gruppo IS che hanno decapitato in diretta video il giornalista americano Sotloff. Lupi sottoscrive le parole dette dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi che ha parlato di guerra tra barbarie e democrazia. Poi il discorso si sposta sulle questione italiane per la precisione sul cosiddetto decreto Sblocca Italia con il Ministro che rimarca la necessità di fissare dei paletti e delle date entro le quali fare le cose di cui necessita il Paese. Lupi parla di come nellambito dello stesso decreto il Governo abbia deciso di favorire il frazionamento delle case per non facilitare i furbi facendo in modo che gli sbaglia debba giustamente pagare. Sugli eco-bonus, Lupi evidenzia come tutti i lavori effettuati entro il 31 dicembre 2014 per migliorare lefficienza energetica degli immobili, potranno godere di uno sgravio del 65% mentre per il 2015 la decisione non è stata ancora presa ed il discorso gioco forza viene rimandato alla legge di stabilità. Lupi però ci tiene a sottolineare come ci sia la possibilità di ottenere uno sgravio parli al 50% per i tutti i lavori eseguiti per effettuare una ristrutturazione dellambiente domestico. Passando alle infrastrutture, Lupi mette a conoscenza dellintenzione del Governo di incominciare i lavori per avere lalta velocità sullautostrada Napoli-Bari entro la fine del mese di Ottobre 2015 e che sono stati previsti quasi 500 milioni di euro per rendere la Salerno-Reggio Calabria migliore di come lo sia attualmente. Finita lintervista realizzata a Maurizio Lupi si entra nella parte centrale della trasmissione con il dibattitto in studio introdotto da un breve servizio nel quale si parla dei mille giorni evidenziati da Matteo Renzi per effettuare le riforme. Nello stesso servizio si fa presente come circa mille giorni fa ci furono le lacrime dellallora Ministro Elsa Fornero con le quali preannunciava un periodo di grandi sacrifici per gli italiani. Matteo Salvini vuole sottolineare come le sanzioni prese contro la Russia abbia come unico risultato quello di mettere in difficoltà lagricoltura italiana. Piuttosto critico nei riguardi di Renzi è il commento di Marco Travaglio che sottolinea come il Presidente del Consiglio sia passato dai cento giorni, cosa che sottolinea tutti avevano capito essere una barzelletta, ai mille giorni. Travaglio inoltre rimarca come non sia riuscito a cogliere dalla conferenza stampa di Renzi, cosa in effetti abbia intenzione di fare in questo lasso di tempo. Menichini offre un commento abbastanza positivo dei primi cento giorni del Governo Renzi sottolineando ad esempio lo sblocco dei debiti della pubblica amministrazione a favore dei privati. Non positivo è invece il commento di DAgostino che rimarca come Renzi abbia fatto due riforme come quella del Senato e della legge elettorale che definisce inutile e non affrontano la questione che gli veniva chiesto dallEuropa ossia riformando il lavoro. Viene mandato in sovraimpressione il risultato di un sondaggio nel quale si sottolinea come la maggior parte degli italiani chiedano a Renzi labbassamento del livello di disoccupazione, labbassamento della tassazione sostegno alle famiglie e di intervenire a favore del mondo della scuola e della ricerca. In studio cè anche Michele Emiliano del Partito Democratico. Si parla di alcune situazione legate allAgenzia delle Entrate e al Fisco con un imprenditore che lamenta un trattamento fuori ogni logica che lo ha costretto a licenziare 70 dipendenti per far fronte alle richieste del Fisco che gli ha contestato la mancata emissione di fatture per oltre 30 milioni di euro. Salvini si scaglia contro lo Stato che a suo dire rapina e contro il Governo Renzi, con Emiliano che controbatte sottolineando come quello di Renzi sia stato lunico esecutivo capace di abbassare il livello di tassazione di ben 10 miliardi di euro. Contro Renzi cè anche DAgostino che parla addirittura di un Renzi bollito che potrebbe non arrivare nemmeno a Natale. Anche Travaglio rincara la dose contro il Presidente del Consiglio denunciando il suo fare soltanto annunci. Salvini sottolinea come il principale problema non sia quello di abbassare le tasse ma principalmente quello di creare occupazione. Emiliano parla di Renzi che a volte ha esagerato nellottimismo ma allo stesso tempo rimarca come a partire dalla conferenza stampa di lunedì 1 settembre abbia tenuto un tono più pacato e soprattutto chiede fiducia per un Presidente in carica da circa sei mei. Si parla quindi di questioni vario genere con Salvini che ricorda i 90 miliardi i euro condonati ai grandi concessionari di slot machine e della necessità di un commissario europeo per lagricoltura. Salvini parla anche dellerrore commesso dal Pd nel decidere di togliere i dazi alla frutta ed alla verdura che arriva dal Marocco che rende di difficile vendita i pomodori prodotti in Sicilia per via della differenza di prezzo. Menichini rimarca come in Italia lopinione pubblica si sia fatta unidea per cui ci sia un uomo che sta cercando di cambiare le cose e far ripartire il Paese ed altri che tentano di mettergli il classico bastone tra le ruote. La puntata finisce parlando della lentezza della giustizia e di come, secondo il sondaggio multimediale eseguito dalla trasmissione, per il 64% tra mille giorni non sarà più il Presidente del Consiglio.

Sarà visibile anche in diretta streaming video lì ultima puntata in programma questa sera di Millennium, la trasmissione di attualità politica che va in onda su Rai Tre. La conduzione è affidata alle tre giornaliste Elisabetta Margonari, Mia Ceran e Marianna Aprile.  Ecco gli ospiti dell’ultima puntata: il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi, Matteo Salvini segretario Lega Nord, Michele Emiliano del Pd, Marco Travaglio, Roberto DAgostino e Stefano Menichini. Clicca qui per vedere la puntata in streaming 

Questa sera, martedì 2 settembre, alle 21.05 su Rai Tre va in onda l’ultimo appuntamento con Millennium, lapprofondimento estivo condotto da Marianna Aprile, Elisabetta Margonari e Mia Ceran. Da martedì 9 settembre torna Ballarò condotto da Massimo Giannini, ex vicedirettore di Repubblica, che ha preso il posto di Giovanni Floris passato a La7. Il titolo di questa ultima puntata di Millennium è L’Italia può aspettare 1000 giorni?, in cui si parlerà dell’agenda di governo di Matteo Renzi che ha fissato gli appuntamenti con le riforme decisive per i prossimi 3 anni. Cè bisogno di così tanto tempo? Ecco gli ospiti in studio che discuteranno del tema al centro della puntata: il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi, protagonista della consueta in3vista iniziale, Matteo Salvini segretario Lega Nord, Michele Emiliano del Pd, Marco Travaglio, Roberto DAgostino e Stefano Menichini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori