BORN TO RAISE HELL/ Su Rete 4 il film con Steven Seagal

Stasera Rete 4 manda il film Born to raise hell.  un film del 2010 di genere azionethriller, diretto dal regista Lauro Chartrand. Il film è interpretato da Steven Seagal

20.09.2014 - La Redazione
Foto-Mediaset
Mediaset

Stasera Rete 4 manda il film Born to raise hell.  un film del 2010 di genere azionethriller, diretto dal regista Lauro Chartrand per un soggetto e una sceneggiatura che è stata completamente ideata e stilata da Steven Seagal, protagonista della pellicola. Nel cast sono presenti Dan Badare, George Remes, Claudiu Bleont, Madalina Marinescu, Zoltan Butuc e Calin Puia. Vediamo la trama. Il Governo degli Stati Uniti dopo lattacco terroristico a New York alle Torri Gemelle, si è reso conto di come le cellule terroristiche venissero finanziate per mezzo dei traffici di droga in America ed in tutto il resto del mondo. In considerazione di questa scoperta, il Governo ha quindi deciso di combattere con tutti i propri mezzi i traffici di droga a prescindere dalle zone geografiche di interesse. In particolare viene allestita una squadra speciale che viene chiamata IDTF finanziata prevalentemente dallo stesso Governo Americano e che viene ideata con diverse divisioni sparse nel mondo. In particolare a Bucarest, in Romania, se ne trova una al cui capo è stato messo lagente Bobby Samuels (Steven Seagal). Samuels stava portando avanti una importante operazione per mettere alle strette un russo di Dmtri (Dan Badaru), che gestisce tutti i traffici relativi alla parte est dellEuropa. Purtroppo in una missione tesa a portare allo scoperto il boss perde la vita il collega di Samuels con questultimo che giura di vendicarsi nei confronti del boss russo. Passano un paio di settimane ed i vertici dellIDTF decidono di inviare nella capitale rumena un nuovo compagno di Samuels, un agente molto in gamba il cui nome è Steve (D. Neil Mark). Samuels e Steve si mettono immediatamente ad indagare sul conto di Dmitri, che per portare avanti i propri traffici, si appoggia ad un potente boss di Bucarest di nome Costel (Darren Shahalavi). Costel è una sorta di pericoloso e sanguinare rapinatore che una volta presa di mira una villa, vi fa irruzione con al seguito alcuni uomini. Prima di rapinare la malcapitata famiglia, prima violenta la donna di casa, quindi prende tutte le ricchezze e poi uccide tutti al fine di non lasciare alcuna traccia per mezzo della quale potrebbe venire incriminato. Dmitri vanta nei confronti di Costel un certo credito ed i due boss spesso sono in contrasto tra di loro. Questo può essere sfruttato a loro vantaggio da parte di Samuels e Steve che vorrebbero chiudere quanto prima la questione. In effetti, Dmitri commette un paio di errori, che consentono ai due agenti di poter fare pressioni nei propri confronti.

Nello specifico il russo viene arrestato e in un certo qual modo indirizzato nel collaborare con le forze dellordine. Evenienza che potrebbe essergli molto utile visto che Costel è senza dubbio un uomo privo di ogni benché minimo scrupolo e potrebbe scatenarsi anche contro di lui. Nonostante le premesse e tutte le pressioni che gli agenti cercano di fare nei suoi confronti, Dmitri non ha nessuna intenzione di collaborare. Lo scenario cambia decisamente quando Costel passa allazione attaccando la casa di Dmitri per un assalto incredibilmente violento. La moglie di Dmitri che non sapeva quali fossero gli affari di cui si occupava il marito, diventa vittima di una violenza carnale alla fine della quale viene uccisa. Il figlio di Dmitri viene invece risparmiato anche per larrivo di alcuni uomini del russo, che mettono in fuga Costel ed il proprio braccio destro. Il bambino tuttavia è vittima di un vero e proprio dramma psicologico per cui ne rimane scioccato. Dmitri a questo punto vuole assolutamente la vendetta e decide di collaborare con Steve e Samuels che finalmente non solo potranno contare sulla testimonianza di una sorta di pentito ma anche su alcune informazioni che gli consentiranno di mettere fine alle angherie di Costel e del proprio braccio destro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori