AVANTI UN ALTRO/ La concorrente Antonella vince 37.000 euro e si commuove (riassunto puntata 23 gennaio 2015)

- La Redazione

Ieri sera, venerdì 23 gennaio 2015, è andato in onda su Canale 5 un altro appuntamento imperdibile con Gerry Scotti e Avanti un altro! Ecco il riassunto della puntata

avanti-un-altro-logo
Avanti un altro
Pubblicità

Ieri sera, venerdì 23 gennaio 2015, è andato in onda su Canale 5 un altro appuntamento imperdibile con Gerry Scotti e Avanti un altro! L’esordio della puntata è il classico: “Ricordati che devi morire” intonato dal Maestro Laurenti. La prima concorrente di giornata è una pittrice originaria della provincia di Siena! Le domande dello zio Gerry riguardano gli indiani, e la simpatica ragazza è costretta a cedere il passo al prossimo concorrente, non prima della canzone di Luca Laurenti, che offre lo spunto a Gerry per improvvisare un ballo tra un fortunato ragazzo del pubblico e la “Dottoressa”! Il nuovo concorrente è Santo, di cognome Gennaro, simpatico 52enne catanese pieno di interessi. Santo può beneficiare dell’ingresso della “Bonas” e in caso di risposte esatte, raddoppierà il contenuto del “pidicozzo” pescato. Peccato che Santo cada sull’ultima domanda riguardante “Gli anni 2000” e debba lasciare il gioco. La nuova aspirante campionessa è Antonella, commessa siciliana che viene interrogata sui “Lavori di una volta”. Antonella risponde correttamente, ma estrae il “pidicozzo” dello “Iettatore” che però non riesce nell’intento di portarla con sè negli abissi. Anche in questo caso la donna può pescare un”pidicozzo”, ma non è fortunata ed estrae “La Pariglia”, equivalente in questo caso a zero euro dal momento che non v’è ancora un campione. Entra adesso in scena il mimo, che rappresenta “le bretelle” ma non riesce a suggerire l’immagine alla sfortunata concorrente che deve così abbandonare il programma. Tocca dunque a Lorenzo, ingegnere navale di Jesi, allietato dall’ingresso della splendida “Ciociara” che però lo mette in crisi con il suo quesito e lo costringe all’addio lasciando ancora vuota la postazione del campione. E’ il turno di Antonella, bella 43enne della provincia di Terni sposata da 16 anni, che può godere dell’ingresso del “Bonus”. La donna non risponde correttamente alle domande su “Canale 5” e perde la sua occasione. Sede del campione ancora vacante: tocca ad Anna, appassionata di recitazione che si trova a fare i conti con lo scienziato pazzo. Anna però non riesce a chiarire la funzione della paradossale invenzione presentata in studio dallo scienziato ed è costretta a salutare la puntata a pochi minuti dal suo ingresso in studio! La situazione è paradossale, non c’è ancora un campione ad Avanti un Altro, e Giulio, 24enne studente di Medicina della provincia di Pisa, ha la ghiotta occasione di diventare campione di giornata: per riuscirci ha bisogno di rispondere correttamente alle domande sul mondo del futuro poste da Gerry Scotti, e introdotte da un fantastico Luca Laurenti in versione umanoide. Giulio pesca dunque il suo “pidicozzo”, sembra tutto pronto per il gioco finale, ma il ragazzo non aveva fatto i conti con la sfortuna, sempre dietro l’angolo: dal “pidicozzaro” arriva una doccia gelata, un biglietto con scritto “Avanti un altro”! Tra l’incredulità di Giulio e di tutti i presenti il concorrente deve abbandonare lo studio. Per eleggere il campione rientrano tutti i concorrenti precedentemente eliminati: si siederà di fronte a Gerry colui o colei che pescherà il “pidicozzo” con la cifra più alta! Le due persone che estraggono a pari merito il “pidicozzo” dal valore maggiore sono Lorenzo e Antonella, con 40.000 pescati: c’è bisogno di un’altra estrazione, uno spareggio decisivo! Antonella ha la meglio con i suoi 75.000 e ha la chance di aggiudicarsi al gioco finale il ricco montepremi di 175.000! La campionessa dimostra di meritare la fortuna ricevuta, e dopo una partenza a razzo rappresentata da 11 risposte esatte consecutive, con un percorso pressoché impeccabile si aggiudica 37.000 tra gli applausi del pubblico in festa!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori