Masterchef Italia 4/ Eliminati Valentina e Simone. Oggi saranno al Punto Enel di Milano. Riassunto ottava puntata 5 febbraio 2015

- La Redazione

Giovedì 5 febbraio su Sky Uno è andata in onda l’ottava puntata di MasterChef Italia 4. Nel corso della serata sono stati eliminati due aspiranti chef: Valentina e Simone

MasterChef3-giudici-sky
I giudici di MasterChef Italia

Ieri, giovedì 5 febbraio 2015, è andata in onda una nuova puntata di MasteChef Italia 4 e sono stati eliminati Simone, lelettricista originario di Argenta; e Valentina, che di professione è infermiera a Biella. Questi due concorrenti incontreranno i fan della trasmissione che vede il temibile trio composto da Joe Bastianich, Carlo Cracco e Bruno Barbieri in qualità di giudici oggi, alle partire dalle 16.00, al punto Enel di Milano in via Broletto 44/A. I telespettatori avranno in questo modo la possibilità di conoscerli e salutarli di persona, anche se in molti non sono proprio daccordo con la loro eliminazione, specialmente per quanto riguarda Simone. Sulla pagina Facebook ufficiale del programma, infatti, si legge: Indegni Simone non doveva uscire, ma anche deve essere ripescato se no veramente assurda tutta la trasmissione!.

Valentina, infermiera di Biella, è stata la prima eliminata dellottava puntata di MasterChef Italia 4. Valentina ha dovuto lasciara la cucina dopo l’Invention Test con Antonino Cannavacciulo: Una grande sconfitta è stato sbagliare sul piatto di Antonino Cannavacciulo, ha detto l’infermiera subito dopo l’eliminazione. diventata un’esperienza di vita, me la sono giocata fino all’ultimo ha detto Valentina Ho scoperto che sono disposta al cambiamento e so adeguarmi al cambiamento. Poi ha ricordato il suo rapporto con Viola!

L’ottava puntata di Masterchef ha segnato l’usicta di scena di Simone, l’elettricista di Argenta. Questa sera l’aspirante chef sarà a MasterChef Magazine, alle 19.50 su Sky Uno Hd, dove preparerà la sua ultima ricetta: Scaloppa di foie gras su vellutata di gorgonzola. A seguire, per la rubrica Invention Chef torna ci sarà lo chef Marco Loy, patron del ristorante Leon DOro che rivisiterà il tema dellInvention Test: partendo dal piatto di Antonino Cannavacciuolo preparerà un delizioso Rollé di triglia con melanzane.

Giovedì 5 febbraio su Sky Uno è andata in onda l’ottava puntata di MasterChef Italia 4. Nel corso della serata sono stati eliminati due aspiranti chef: Valentina e Simone. Ma rivediamo nel dettaglio cosa è succeso. Si parte come al solito con la Mistery Box, che nasconde come ingrediente speciale il pesce spatola, mentre si presenta lo chef Antonino Cannavacciulo, con Barbieri che scherza dicendo che questa sera la scatola funzionerà un po’ come il sette e mezzo. Ogni ingrediente trovato dovrà essere cucinato necessariamente, e grande importanza dovrà essere data al mascarpone. Federica crede d’avere la prova in pugno, essendo l’unica ad aver trovato la ‘nduja. Arianna invece come al solito si blocca un po’ quando le si avvicina Cracco, di cui continua ad avere soggezione. I tre migliori sono Arianna, Maria e Stefano. Cracco preferisce chiaramente quello di Arianna, mentre Bastianich punzecchia Stefano, dicendogli che solitamente cucina in maniera più aggressiva, mentre il piatto di stasera è un po’ più femminile, e gli somiglia ben poco. Lui però prova a rispondere a tono e dice d’avere in fondo un lato femminile, essendo cresciuto con sua madre, e dice che a 43 anni la ama. Arianna vince e diventa tutta rossa. Cracco la prende un po’ in giro e la situazione non migliora.

Per l’invention Test potrà sfruttare al meglio i preziosi consigli che le darà Cannavacciuolo. Dovrà scegliere un piatto tra spezzatino con pesce e zucchine, pasta, fiori e bottarga con seppie e triglia. Alla fine opta per la triglia, che sarà realizzato per primo da Cannavacciuolo, che le mostrerà come prepararlo. Un vantaggio enorme dunque, mentre gli altri dovranno capire quali ingredienti usare attraverso un semplice assaggio. Tutti tranne due concorrenti scelti da Arianna, che non potranno neanche assaggiare la triglia. Arianna si prende due belle rivincite con Stefano e Maria, ma alla fine questa prova le si ritorce contro. Cannavacciuolo infatti le ha detto che il piattro potrebbe sembrare una parmigiana di melanzane, e lei prende la frase alla lettera. Lo chef è furioso per il tempo perso, mentre Bastianich definisce la triglia come tonno in scatola. Maria punzecchia Arianna, mentre Cannavacciuolo esalta il lavoro di Stefano, dicendogli che deve per forza fare lo chef nella vita, mentre a Simone dice che occorre ancora macinare esperienza prima di poter pensare di aprire un ristorante. I piatti peggiori sono quelli di Arianna, Valentina e Nicolò, mentre a vinere il test è Simone. Nicolò è immaturo ma viene salvato, così come Arianna, nonostante abbia sprecato i consigli di Antonino. Valentina dunque deve consegnare il grembiule. 

Per l’esterna ci si ritrova tra i monti, col freddo e la nebbia. I concorrenti hanno a disposizione due casse con del cibo. Nulla di troppo elegante, ma l’indispensabile per sopravvivere. Dovranno cucinare come fosse in campeggio, dormire in tenda e sfamare se stessi e i tre giudici. Ovvio però che, seppur le tecniche saranno da campeggio, gli ingredienti da cucinare saranno complessi, come il cervo ad esempio. Si formano le due brigate e la cosa più importante, che viene sottolineata fin da subito, è evitare in tutti i modi di far spegnere il fuoco. Si rivede Cannavacciuolo con la sua verve allegra. Di certo sa come stare dinanzi alle telecamere ormai, ma sa essere anche serio quando deve. Critica aspramente i blu perché le patate erano crude, mentre Bastianich prima esalta un po’ tutti, perché i loro piatti non sembravano essere frutto di una cucina spartana, e poi critica i rossi perchè quanto cucinato era senza sale. A vincere sono i rossi, mentre tra i blu serpeggia malumore. Maria non prende bene il comportamento dei compagni e dà di matto, urlando e sbraitando contro tutti. Un po’ tutti tentano di discolparsi sul fronte patata cruda, e alla fine pare Simone a dover pagare lo scotto. 

Si passa dunque al Pressure Test, che è basato sul maiale. Maria non vorrebbe cucinarlo perchè è vegetariana, ma deve farlo per forza. Bastianich scherza e dice che in America va molto di moda friggere l’orecchio del maiale. Maria decide di cucinare due parti dell’animale, guancia e lingua, ma Barbieri boccia quest’ultima, che ritiene essere stata cotta per poco tempo. Lei è abituata forse ai tempi di cottura di manzo e vitello, ma lo chef le dice che proprio rispetto a questi animali i tempi devono lievitare, data la fibra più spessa. Assaggia poi il contorno e boccia anche quello. Paolo è il migliore e dopo di lui si salva anche Stefano. Al ballottaggio dunque finiscono Maria e Simone. Questa non pare affatto la serata giusta per Maria, che con la carne ha sempre qualche problema. Le critiche di Barbieri poi paiono averla abbattuta. Lei però prova lo scatto finale, cucinando ancora una volta con la stessa grinta del Pressure Test, e così alla fine riesce a sorpresa a avere la meglio anche su Simone. Il ragazzo a sorpresa viene eliminato, ritenendo d’essere stato messo all’angolo dagli altri del gruppo. Per Bastianich lui è molto bravo, ma alla fine restano i migliori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori