NICOLA SAVINO/ Chi è il conduttore di Quelli che il calcio ospite a Le invasioni barbariche. La foto da “ninja” su Instagram

Ci sarà anche Nicola Savino tra gli ospiti de Le invasioni barbariche, il talk show condotto da Daria Bignardi su La 7. Il conduttore è stato al centro di una polemica

11.03.2015 - La Redazione
nicola-savino_r439
Nicola Savino

In attesa di raggiungere gli studi di La7 per farsi intervistare questa sera da Daria Bignardi a “Le Invasioni Barbariche”, Nicola Savino ha pubblicato su Instagram una foto che lo ritrae particolarmente agguerrito e pronto per la serata. Nell’immagine vediamo Savino fissare l’obiettivo con aria feroce mentre sulla testa indossa una fascia con il marchio lego e la scritta “Ninjagq”. A entrambi i lati della fascia rossa è infatti rappresentato un omino della Lego in versione Ninja (clicca qui per vedere la foto). La foto è piaciuta molto ai followers di Savino, che l’hanno premiata con oltre 1750 like.

Ci sarà anche Nicola Savino negli studi de Le invasioni barbariche, il talk show condotto da Daria Bignardi su La 7. Il conduttore toscano proprio in queste ore è al centro di una rovente polemica a causa di una gaffe in cui è incorso durante Quelli che il calcio, quando ha chiesto ad una bimba non vedente, sfegatata tifosa della Roma, come vedesse la partita dei giallorossi con il Chievo. Nicola Savino è nato a Lucca, il 14 novembre 1967, per poi trascorrere l’infanzia a Metanopoli, una frazione di San Donato Milanese, dove il padre Francesco si era trasferito per lavorare all’ENI. Ha iniziato a lavorare in radio nel 1984, in una emittente locale, dividendo questa attività con quella portata avanti nelle discoteche. Nel 1989 è entrato a far parte di Radio DeeJay, ove ha curato la regia di un programma condotto da Fiorello e Marco Baldini per poi spostarsi su Radio Capital, nel 1995, dove ha invece diretto un programma con Amadeus e Digei Angelo. Tornato l’anno successivo a Radio DeeJay, ha iniziato ad andare in onda in Linus Deejay chiama Italia, in qualità di uomo della strada. I duetti con Linus hanno riscosso grande successo, tanto da spingere la produzione a farne una presenza costante, con lo pseudonimo di UDS. Dal 1999 è poi subentrato in qualità di co-conduttore, con il suo nome, unendo a questa attività quella di imitatore all’interno di Ciao belli, programma condotto da Roberto Ferrari e Digei Angelo. 

Nel frattempo aveva anche iniziato la sua attività in qualità di autore, prima per il Festivalbar e poi per Le Iene. Una attività che lo ha portato a collaborare con trasmissioni di successo come Zelig Circus, Zelig Off, i Telegatti e Quelli che il calcio. I primi anni del nuovo millennio lo hanno quindi visto approdare alla conduzione televisiva, a partire dal 2004, quando ha presentato Sformat, uno show di Rai Due, in collaborazione con Aida Yespica, Camila Raznovich e Digei Angelo. diventato inoltre una presenza fissa a Quelli che il calcio, condotto da Simona Ventura, dove ha iniziato a collaborare nel 2003. Inoltre ha presentato Sky Cine News e ha preso parte a Una poltrona per due, una sit com che lo ha visto protagonista in coppia con Alessia Ventura, tra il 2004 e il 2008. Ha anche presentato Colorado Cafè, su Italia 1, insieme a Rossella Brescia e Digei Angelo, nel 2009 e nell’anno successivo.

Nel 2011 ha quindi sostituito provvisoriamente Simona Ventura alla guida de L’isola dei famosi, per poi assumere ufficialmente la conduzione del reality show nella sua nona edizione, quella del 2012. Infine nel 2013 ha sostituito Victoria Cabello alla conduzione di Quelli che il calcio. Va anche ricordata la sua partecipazione in qualità di attore ad Agente matrimoniale, una pellicola diretta da Christian Bisceglia, uscito nelle sale nel 2007, e a Mi fido di te, per la regia di Massimo Venier, nello stesso anno, in cui ha interpretato la parte di un cameriere. 

Per quanto riguarda la vita privata, è sposato dal 2009 con Manuela Suma, unione rallegrata dall’arrivo di una figlia, Matilda. Naturalmente nel corso della consueta chiacchierata con Daria Bignardi sarà affrontato anche il tema dello scivolone in cui è incorso durante “Quelli che il calcio”, dandogli modo di spiegare una gaffe che ha provocato grandi polemiche in particolare sui social media.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori