POMERIGGIO 5/ Caso Elena Ceste: Michele Buoninconti e l’aggressione alla troupe televisiva. Puntata 9 aprile 2015

- La Redazione

Barbara D’Urso torna a farci compagnia anche oggi con una nuova puntata di Pomeriggio 5, in onda come sempre a partire dalle 17 su Canale 5. Quali argomenti verranno affrontati?

barbara_urso_r439
Barbara D'Urso (Infophoto)
Pubblicità

Si torna a parlare del caso Elena Ceste nella nuova puntata di Pomeriggio 5 in onda oggi. Al centro del servizio lanciato da Barbara D’Urso c’è l’aggressione a una troupe televisiva da parte di Michele Buoninconti, il marito della donna accusato di aver commesso il delitto. Per questa aggressione, avvenuta nel settembre scorso, Buoninconti si è presentato stamattina davanti al Gip di Asti Giacomo Marson. Le parti lese non hanno comunque presentato querela e anche l’accusa ha chiesto l’archiviazione del caso.

Barbara D’Urso torna a farci compagnia anche oggi con una nuova puntata di Pomeriggio 5, in onda come sempre a partire dalle 17 su Canale 5. Tanti i temi che verranno affrontati, a cominciare dai diversi casi di cronaca che ultimamente stanno facendo parlare: come nell’appuntamento andato in scena ieri, si tornerà probabilmente a parlare di Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa da oltre un anno. Ieri l’inviata di Pomeriggio 5 è andata a cercare di capire cosa è stato ritrovato esattamente nel piccolo cimitero della provincia di Arezzo lo scorso 4 aprile, dove i carabinieri hanno rinvenuto dei resti di ossa umane all’interno di una cappella che viene di solito utilizzata come ossario. Gli inquirenti ora dovranno chiarire se quelle ossa sono proprio di Guerrina. Nel corso della puntata si è poi tornati anche sull’omicidio dei due fidanzati di Pordenone. Trifone e Teresa sono stati uccisi a quanto pare da una persona che probabilmente aveva un complice. Sicuramente a quell’ora all’uscita dalla palestra c’era un gran movimento ed è probabile che il complice presunto abbia coperto l’assassino mettendosi di traverso con la macchina. Due dei cinque testimoni hanno parlato direttamente con i giornalisti di Pomeriggio 5. Il primo ha raccontato di aver visto i due ragazzi quando erano ancora in palestra e di essere andato via precedendoli di qualche minuto, mentre l’altro li avrebbe visti proprio salire in macchina e ha detto di aver sentito il rumore degli spari. Però nessuno sembrerebbe aver visto la macchina fuggire via. Alessandro Cracco, direttamente dal parcheggio della palestra, con l’aiuto di una planimetria ha mostrato le diverse posizioni dei testimoni, dei due fidanzati e della macchina deli assassini. Di grande aiuto sono anche le telecamere che daranno importanti indicazioni sui vari spostamenti di auto avvenuti la sera in cui sono morti Trifone e Teresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori