Escape Stasera su Rai 4 il film diretto da Roar Uthaug con Kristian Espedal. Trailer

- La Redazione

Stasera, lunedì 15 giugno 2015, Rai 4 propone la visione della pellicola di azione “Escape”, di origini norvegesi e diretta da Roar Uthaug. Vediamo la trama del film

logorai_R439
Il film in onda su Rai 2

Su Rai 4 alle 21:10 va in onda il film “Escape”. Nella Norvegia del 1363 una ragazza di nome Signe viene rapita da una donna di nome Dagmar e dai suoi scagnozzi mentre è in viaggio con la sua famiglia. Signe riuscirà a fuggire sfruttando l’aiuto dalla figlia di Dagmar, ma la capobanda non rinuncerà facilmente alla sua preda. Ecco il trailer in lingua originale del film.

Escape è un film di genere storico – avventura girato in Norvegia nellanno 2012, in onda stasera su Rai 4, diretto dal regista Roar Uthaug. La durata della pellicola è allincirca pari ad 1 ora e 18 minuti per uno soggetto che è stato scritto da Thomas Moldestad e prodotto dalla Film Fund Fuzz. Nel cast figurano Kristian Espedal, Iren Reppen, Hans Jacob Sand e Richard Skog. Vediamo la trama. Ci troviamo nel corso del quattordicesimo secolo e per la precisione è l’anno 1363 nella fredda regione della Norvegia. Una regione che suo malgrado ha dovuto fare i conti anche con una terribile epidemia avvenuta dieci anni prima, capace di portare morte e distruzione ovunque, riducendo drasticamente la popolazione. La protagonista, una ragazzina di nome Signe (Isabel Christine Andreasen), sta viaggiando con la propria famiglia composta oltre che dai genitori e dalla stessa Signe anche da un fratellino più piccolo di età.

Durante questo viaggio un gruppo di banditi li assale, impedendo loro di proseguire oltre. Per i quattro le cose si mettono male, l’assalto che i banditi mettono in atto è spietato, infatti gli uomini non hanno alcuna pietà per la bella famiglia e ne uccidono i genitori e il fratellino minore di Signe, la quale però rimane la sola sopravvissuta. I banditi decidono di portarla con loro facendola prigioniera. Il trauma per Signe è notevole, ha visto uccidere e massacrare la propria famiglia e ora si ritrova in ostaggio di questa banda di criminali di cui teme maggiormente la leader del gruppo, una donna di nome Dagmar (Ingrid Bolsø Berdal), dall’atteggiamento crudele e spietato e tipica donna guerriera dal passato oscuro e misterioso a causa di un macabro segreto che nasconde e custodisce celatamente. All’interno del gruppo di banditi, vi è una bambina piccola.

Si tratta di Frigg (Milla Olin), figlia di Dagmar con la quale la giovane Signe lega immediatamente finendo per diventare amiche e sostenersi l’un l’altra. Frigg infatti nonostante la propria giovane età decide non solo di aiutare Signe a trovare una via di fuga ma di fuggire lei stessa da sua madre e da quel terribile mondo violento in cui è stata costretta a vivere fino a quel giorno. Le due ragazzine attraverso un loro semplice ma congeniale piano riescono a scappare, Signe e Frigg si ritrovano a dover affrontare la selvaggia e ostica natura che le circonda, inoltre quando Dagmar e il resto dei banditi si accorgono della fuga delle due giovani bambine cominciano a inseguirle per la foresta norvegese. Le piccole donne però sono intelligenti e intraprendenti ed infatti nonostante la fitta vegetazione riescono a trovare in essa validi nascondigli per evitare di essere trovate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori